06/07/2020

CORONAVIRUS IN POLESINE

"In Polesine pochissimi contagi, merito dell'isolamento tempestivo di tutti contatti"

L'immagine del contagio in veneto analizzata dal direttore Compostella

"Polesine salvo grazie agli isolamenti: ecco come abbiamo bloccato il virus al confine"

ROVIGO - L'immagine rappresenta il contagio in veneto. Un dato aggregato dall'inizio dell'epidemia fino al 20 maggio. Il blu più scuro indica una maggiore intensità di contagio, il rosso i focolai ancora attivi che ora sono solo nel veronese.

"La cartina è importante perché dimostra intanto come il Polesine sia stato il territorio meno colpito dal contagio - spiega il direttore generale dell'Ulss 5 Polesana, Antonio Compostella - E soprattutto fa vedere come si sia riusciti a fermare il contagio prima che superasse il confine tra Province. Ci sono infatti zone con indici altissimi di contagio che però non hanno superato il confine. Perché da noi è stata fatta una scelta forte di partire subito con gli isolamenti di tutti i contatti. E questo ha fatto sì che il contagio non si propagasse anche da noi".

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette