25/10/2020

CORONAVIRUS IN POLESINE

"Troppi pochi insegnanti in Polesine, rischiamo di avere classi da 32 alunni"

L'allarme lanciato da Cisl Scuola

Scuole chiuse e carnevali cancellati in tutto il Veneto

ROVIGO - In vista della definizione degli organici per il prossimo anno scolastico, il segretario territoriale della Cisl Scuola Padova Rovigo, Giovanni Vascon, segnala: "Ci giungono voci sulle dotazioni organiche del personale docente per l’anno scolastico 2020/2021 per la provincia di Rovigo, che se fossero vere, sarebbero veramente preoccupanti: dal sistema informatico Sidi risulterebbero classi tra i 30/32 alunni e classi di 24/25 allievi, nonostante la presenza di alunni con gravi disabilità. Sembra incerta anche la possibilità di poter sanare queste situazioni in organico di fatto".

Aggiunge Stefania Botton della segreteria Cisl Padova Rovigo: "Già in tempi normali tale situazione sarebbe stata scarsamente tollerabile, viste le peculiarità del territorio Polesano, compromettendo una didattica efficace. A maggior ragione, vista l’emergenza sanitaria dovuta al Covid-19, si ritiene che sia a rischio anche la sicurezza sanitaria di tutti gli alunni e del personale che quotidianamente opera nelle nostre scuole". 

"Ci si aspettava – aggiunge Giovanni Vascon – che il mantenimento degli organici (promesso dal ministero dell’Istruzione) si concretizzasse in una diminuzione degli alunni per classi, andando a contenere l’annoso problema delle classi pollaio. E’ indispensabile che il ministero comprenda la necessità di intervenire, assicurando alle nostre scuole la dotazione organica che garantisca la sicurezza di alunni, docenti e personale Ata".

La Cisl Scuola Padova Rovigo è al fianco di docenti e dirigenti scolastici per sostenere con forza le esigenze di agibilità e sicurezza, in coerenza con le trasformazioni della didattica che in questo momento la scuola sta vivendo e che l’attuale calibrazione degli organici non consente.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

Notizie più lette