28/09/2020

CORONAVIRUS IN ITALIA

Sì alle messe dal 24 maggio ma con guanti e mascherine, senza segno della pace e acquasanta

Trovato l'accordo di massima sulle messe tra la Conferenza episcopale italiana e il Viminale

Coronavirus, dice messa: denunciato il prete

ITALIA - La Conferenza episcopale italiana e il Viminale hanno trovato un accordo di massima sulle messe in presenza di popolo, confluito in un vademecum redatto da ambo le parti. Ma ciò non significa che da subito la Chiesa apra alle celebrazioni. Anzi, una data che sembra probabile per l'apertura è il 24 maggio, fra circa due settimane.

Il vademecum dettaglia alcune regole imprescindibili. Nella sostanza, ai fedeli che in futuro parteciperanno alle celebrazioni eucaristiche verrà chiesto di indossare guanti e mascherina, verranno fatti sedere a distanza e saranno accolti all'entrata della chiesa da un parrocchiano incaricato della sicurezza. Inizialmente era stato pensato di dotare ogni chiesa di un termoscanner per rilevare la temperatura ai fedeli ma sembra che questa ipotesi sia poi stata giudicata non percorribile. Nel piano, è previsto anche che la distribuzione dell'eucaristia venga fatta dal sacerdote che si avvicina a ogni fedele, mentre non avviene lo scambio della pace e all'entrata delle chiese l'acquasantiera rimangono vuote.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette