24/10/2020

LA POLEMICA

Teatro Sociale, scontro sui parapetti: "Siamo in emergenza sanitaria, non era il momento"

Le consigliere dalla civica Gaffeo intervengono contro Valentina Noce

Teatro Sociale, scontro sui parapetti: "Siamo in emergenza sanitaria, non era il momento"

ROVIGO - "Si è sparsa la pretestuosa voce che questa amministrazione non abbia a cuore la perfetta fruizione del Teatro Sociale da parte dei cittadini. Non si può che concordare con l'assessore Tovo: in questo momento è importante soprattutto concentrarsi  su come far ripartire le attività artistiche e dare lavoro ad artisti e maestranze tecniche, un mondo di talenti attualmente inoccupato. Sicuramente non è il momento di denigrare strumentalmente una delle perle del nostro patrimonio culturale come il Teatro Sociale e la ricchezza d'arte che normalmente esprime", così le consigliere comunali della civica Con Edoardo Gaffeo Sindaco perché cresca felice, Elisabetta Traniello ed Elena Biasin rispondono alle affermazioni della consigliera della Lega, Valentina Noce che chiedeva un intervento per togliere i parapetti, "sfregio per il Teatro" (LEGGI ARTICOLO).

"La giunta sta analizzando se, quando apriranno i musei, forse già il 18, sarà possibile riaprire anche le visite guidate allo stesso Teatro Sociale. Sono un’occasione unica per conoscere meglio bellezza, curiosità e retroscena del Teatro. Se così sarà, tutti sono invitati a riavvicinarsi al nostro Teatro partendo magari, da una visita accompagnati dagli operatori del Teatro stesso. Questa è la maniera migliore per conoscere ed aiutare la cultura in città - spiegano - Come più volte sottolineato, questa amministrazione ritiene che ciascun problema infrastrutturale debba essere considerato nel suo complesso, per decidere in modo più efficace quali siano gli interventi necessari e quali di questi interventi debbano avere la precedenza. Il Teatro sociale non fa eccezione. In Consiglio Comunale l'Assessore Tovo lo ha chiaramente spiegato: la struttura ha bisogno di indispensabili interventi di adeguamento alle normative, e a questo sono indirizzati i fondi stanziati nel recente bilancio di previsione. La sostituzione dei parapetti è senz'altro auspicabile, ma non riveste certo lo stesso carattere di urgenza di altri interventi. Lo prova il fatto stesso che, se fosse stata veramente ritenuta imprescindibile, avrebbe ben potuto essere fatta da chi ora la sbandiera, al tempo in cui amministrava la città. Siamo nel pieno di una crisi sanitaria ed economica: ha veramente senso fissarsi su un intervento spot di questo genere?".

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette

8 nuovi casi in Polesine: un altro studente e due positivi in casa di riposo
CORONAVIRUS IN POLESINE

Nuovi casi di covid in casa di riposo