20/10/2020

CORONAVIRUS IN POLESINE

"Il contagio non si fermerà a maggio, con il virus dovremo convivere"

Così il direttore generale dell'Ulss durante il bollettino sul contagio in Polesine

compostella

Il direttore generale dell'Ulss 5 Antonio Compostella

ROVIGO - Continua ad arretrare il contagio, sia a livello polesano che a livello regionale. Lo spiega il direttore generale dell'Ulss 5 Polesana, Antonio Compostella, nell'illustrare il bollettino del contagio in Polesine. Per quanto riguarda le proiezioni di contagio zero a fine maggio, in Veneto, l'Ulss appare piuttosto prudente: "Il mio pensiero - ha spiegato il direttore generale - è che continueremo ad avere casi anche nei prossimi mesi, perché dovremo convivere col virus. Ciò che è invece sicuro è che in autunno avremo una nuova ondata di contagi".

I nuovi positivi in Polesine. Un signore del 1937 dell'Altopolesine, vento a contatto con un caso positivo in famiglia; una donna del 1938 dell'Altopolesine, venuta a contatto con un caso di positività in famiglia; infine, un giovane del 1994, operatore sociosanitario dell'ospedale.

La situazione del personale ospedaliero. A fronte di 2400 dipendenti, ne sono risultati positivi 40, con 16 guarigioni già avvenute, incluse nel primo dato. "Rispetto ad altre realtà - spiega il direttore generale - un dato assolutamente lusinghiero".

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

Notizie più lette