27/10/2020

CORONAVIRUS IN POLESINE

Otto nuovi casi, tra questi un bimbo di 1 anno

Ecco l'aggiornamento sui dati polesani, analizzati dal direttore generale dell'Ulss 5 Antonio Compostella

compostella 2

Il direttore generale dell'Ulss 5 Antonio Compostella

ROVIGO - "La curva ha interrotto il suo innalzamento brusco: abbiamo un rallentamento della crescita. E' un segnale importante, il segnale che le misure messe in atto sinora hanno funzionato. Proprio per questo, non dobbiamo allentare la guardia, anzi: continuare a stare a casa e rispettare le misure".

A livello polesano abbiamo il riscontro di otto nuove positività. Non significa che sia in aumento il contagio in Polesine, semplicemente, sono arrivati referti su tamponi che erano rimasti in arretrato. Sono variabili che possono essere diverse di giorno in giorno e non hanno una valenza statistica.

I nuovi casi positivi. Tra i nuovi contagiati, abbiamo un signore del 1985 dell'Altopolesine, si trova in isolamento domiciliare dal 24 marzo; una donna del 1947 dell'Altopolesine, rientrata dall'estero, aveva sintomi, il 29 marzo è stata ricoverata in Malattie Infettive, positivo; una donna del 1968 di Rovigo, venuta a contatto in ambito familiare con una persona positiva; abbiamo poi il caso di un bimbo di 2 anni, del 2018, due anni ancora da compiere, venuto in contatto con una persona passata dalla casa della famiglia, è in isolamento; una donna del 1972 di Rovigo, infermiera dell'ospedale rodigino, venuta a contatto con casi positivi nel suo reparto, a Urologia, si trova in isolamento dal 26 marzo; un ragazzo del 1991 del Mediopolesine, contagiato a cena, si trova in isolamento; una donna del 1951 del Mediopolesine, venuta a contatto con positivo nel veronese; una donna del 1973, operatrice sanitaria nel Veronese.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette