20/10/2020

CORONAVIRUS IN POLESINE

Attività aperte, i chiarimenti del Prefetto

Ecco chi e come deve presentare richiesta al prefetto per proseguire con l'attività

"E' un'emergenza sanitaria nazionale, siamo in trincea"

ROVIGO - "Intendo fornire alcuni chiarimenti in merito alle disposizioni del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 22 marzo 2020 che ha stabilito la chiusura delle attività produttive ad esclusione di alcune categorie e del Decreto del Ministro per lo Sviluppo Economico del 25 marzo 2020 che lo ha in parte modificato", così la nota ufficiale inviata alla stampa dalla segreteria del Prefetto di Rovigo, Maddalena De Luca.

"Innanzitutto va precisato che le aziende che svolgono un’attività produttiva definita da un codice ATECO contenuto nell’allegato 1 (LEGGI ARTICOLO) del citato Decreto del Ministro per lo Sviluppo Economico del 25 marzo 2020 non devono presentare nessuna comunicazione né richiedere alcuna autorizzazione al Prefetto - spiega il Prefetto - Chi svolge attività di pubblica utilità o servizi essenziali o produzione, trasporto e commercializzazione in ambito sanitario o in ambito agricolo o alimentare prosegue e non deve presentare nessuna comunicazione né richiedere alcuna autorizzazione al Prefetto. Devono presentare una comunicazione al Prefetto solo quelle aziende che, pur non essendo inserite nell’elenco dei codici ATECO contenuti nell’allegato 1 al Decreto del Ministro per lo Sviluppo Economico, ritengono di svolgere un’attività che è funzionale ad assicurare la continuità delle filiere di quelle aziende rimaste aperte o dei servizi pubblici essenziali o di pubblica utilità. Queste aziende devono compilare l’apposito modulo che è presente sul sito della Prefettura".

"Il Prefetto, dopo un’accurata istruttoria, con l’ausilio della CCIAA, della Guardia di Finanza, dei Vigili del Fuoco e dello Spisal nel caso in cui ritenesse che non sussistano i presupposti indicati, sospende l’attività. Le aziende in questione riceveranno una comunicazione solo in caso di sospensione dell’attività, se non ricevono alcuna comunicazione possono proseguire. Anche le aziende con impianti a ciclo produttivo continuo la cui interruzione comporterebbe un grave pregiudizio all’impianto o il pericolo di incidente, devono presentare una comunicazione al Prefetto utilizzando l’apposito modulo presente sul sito della Prefettura. Anche in questo caso se il Prefetto ritiene che non ci siano questi pregiudizi, sospende l’attività. Invece le attività dell’industria dell’aerospazio e della difesa e le altre attività di rilevanza strategica per l’economia nazionale devono chiedere l’autorizzazione al Prefetto utilizzando il modulo presente sul sito della Prefettura per poter svolgere la propria attività. Solo queste ultime, per poter proseguire la propria attività, dovranno ricevere specifiche autorizzazioni".

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette