06/04/2020

CORONAVIRUS A ROVIGO

Pur di correre spostano le transenne

Un atteggiamento irresponsabile, che ha costretto il sindaco Gaffeo a un nuovo appello alla cittadinanza

Pur di correre spostano le transenne

ROVIGO - Il sindaco di Rovigo Edoardo Gaffeo, dopo un fine settimana che ha visto scene irreali, con piste ciclabili e aree verdi prese d'assalto da un numero di persone assolutamente inadeguato all'emergenza sanitaria che stiamo vivendo, aveva disposto, con una propria ordinanza, la chiusura di aree verdi, ciclabili e parchi, proprio per evitare che situazioni del genere avessero a ripetersi.

Una misura forte, scattata per la tutela della sicurezza e della salute pubblica: siamo, infatti, nel momento in cui la priorità, nella lotta al coronavirus, appare quella di rallentarne al massimo il ritmo di crescita. Questo per riuscire a contenere il numero di malati gravi, evitando che possa mai raggiungere quello massimo di posti letto attrezzati con ventilatori meccanici.

Molti, però, non lo capiscono. Tanto che non è mancato chi non solo non ha rinunciato comunque alla propria corsa, ma, pur di farla, è andato a "riaprire" le ciclabili chiuse, spostando le transenne che erano state posizionate dal Comune, o rimuovendo il fettucciato biancorosso che era stato steso proprio per indicare come l'accesso al percorso fosse interdetto.

Un atteggiamento irresponsabile, che ha costretto il sindaco Edoardo Gaffeo a un nuovo appello alla cittadinanza, affinché sia responsabile e accetti qualche sacrificio, alla luce di una situazione tanto grave come quella attuale.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

Notizie più lette