22/10/2020

ROVIGO

"Iras, il personale lavora con zero protezioni e non viene fatto nessun tampone"

L'appello del consigliere comunale Antonio Rossini che chiede al primo cittadino di fare le opportune verifiche

E' Rossini il re delle preferenze!

Antonio Rossini, consigliere comunale d'opposizione

ROVIGO - "Signor sindaco, in qualità di rappresentante della comunità locale ha il potere di verificare situazioni di particolare gravità che interessano l’igiene e la sanità pubblica e  la sussistenza o meno di una situazione di effettivo pericolo di danno grave e imminente per l’incolumità pubblica". Lo scrive il consigliere comunale di Rovigo Antonio Rossini, invitando il sindaco Edoardo Gaffeo a verificare quale sia la situazione all'Iras, Istituto rodigino di assistenza sociale, la casa di riposo di Rovigo.

"Le chiedo, pertanto - prosegue Rossini - di far accertare dai competenti uffici ed enti la fondatezza o meno di quanto seguito rappresentato. Una persona che lavora presso l'Iras, dichiara  'lo stato di estremo abbandono nel quale versano tutti gli operatori dell'istituto, privi dei dispositivi di protezione Individuale,  nonché l’assoluta mancanza di tamponi per monitorare lo stato di salute del personale'".

"Quindi - chiude Rossini . corre l’obbligo che venga verificato se sussiste  o meno lo stato di difficoltà in cui sembra operare il personale  all’Iras".

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette

8 nuovi casi in Polesine: un altro studente e due positivi in casa di riposo
CORONAVIRUS IN POLESINE

Nuovi casi di covid in casa di riposo