13/07/2020

CORONAVIRUS IN POLESINE

Falsifica l'autocertificazione per uscire, denunciato

"Vado a prendere le sigarette" ma era distante da casa e senza tabaccai nelle vicinanza

95165

ROVIGO - Una denuncia per avere falsificato l'autocertificazione con la quale è possibile indicare i motivi urgenti e imprescindibili per uscire di casa, il che, altrimenti, è assolutamente vietato, nel quadro delle disposizioni d'emergenza per arrestare la diffusione del coronavirus. E' stata inflitta dai carabinieri a una persona che, già nota per reati contro il patrimonio, avrebbe dichiarato il falso nella propria autocertificazione, pur di uscire di casa.

Avrebbe infatti scritto sul modulo che era uscito di casa per comprare le sigarette. Peccato che un veloce controllo dei militari abbia rivelato che l'uomo era lontanissimo da casa, in una zona nella quale non c'era alcun tabaccaio aperto. Da qui la denuncia a piede libero, per avere prodotto una autocertificazione attestante una circostanza risultata falsa.

La direttiva è sempre quella di non uscire di casa se non strettamente necessario. Si deve rallentare al massimo la diffusione del virus, in modo da evitare che il numero di casi gravi, che necessitano di respirazione assistita, non possa mai superare la disponibilità di posti letto attrezzati con questi dispositivi.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette