24/10/2020

CORONAVIRUS IN POLESINE

"Andate in banca o alle Entrate solo se davvero necessario"

L'appello dei sindacati di categoria: "Troppe persone arrivano senza motivazioni urgenti"

“Roma ha davvero rotto...”

ROVIGO - "Nonostante le recenti misure atte al contenimento dell'epidemia Covid-19 nonché l’odierno Decreto Ministeriale che prevede anche la chiusura di tutte le attività commerciali verifichiamo, purtroppo, che presso gli sportelli degli istituti bancari del
Polesine e le filiali di Agenzia delle Entrate Riscossione l'afflusso di utenza e clientela non è legato, per la maggior parte dei casi, ad esigenze di natura indifferibile e pertanto molti cittadini si pongono in aperta violazione delle correnti disposizioni contenute nell'ultimo Decreto #IoRestoaCasa che, lo ricordiamo, permette esclusivamente gli 'spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero spostamenti per motivi di salute'".

Lo spiega la nota stampa delle segreterie provinciali di Fabi First-Cisl Fisac-Cgil e Uilca. "Siamo consapevoli - prosegue la nota - dell'insostituibilità del rapporto personale con gli operatori, ma in questa fase invitiamo la cittadinanza a rispettare le prescrizioni e gli inviti che giungono dalle Istituzioni, contattando gli istituti utilizzando il telefono oppure la comunicazione online, non solo per evitare le sanzioni previste, ma anche e soprattutto per l'importanza che assume il comportamento di ognuno di noi, in un momento straordinario, per uscire tutti insieme dall'emergenza".

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette

8 nuovi casi in Polesine: un altro studente e due positivi in casa di riposo
CORONAVIRUS IN POLESINE

Nuovi casi di covid in casa di riposo