29/03/2020

L'ORDINANZA

Coronavirus, sospese anche le messe

Strappo solo per i funerali. Ma solo con parenti stretti

Sospese anche le messe. Funerali sì, ma solo con i parenti stretti

ROVIGO - L'ordinanza emessa dalla Regione del Veneto contro la diffusione del Coronavirus, incide anche sulla liturgia. Oltre alle manifestazioni, infatti, l'ordinanza vieta lo svolgimento delle celebrazioni, ovvero delle messe. Trattasi infatti di aggregazioni di persone che, per evitare la diffusione del virus vanno assolutamente limitate.

Piccolo strappo alla regola solo per quanto riguarda i funerali: permessi, sì, ma solo con una cerchia ristrettissima di parenti ad assistere. 

Ecco la nota della Diocesi di Adria e Rovigo.

"Facendo seguito a quanto stabilito dal Ministero della Salute d’intesa con la Regione Veneto in data 23 febbraio 2020, la diocesi di Adria – Rovigo, al fine di contrastare la diffusione dell’epidemia da COVID-19 (Coronavirus), in costante collegamento con le autorità, dispone la sospensione di tutte le Celebrazioni pubbliche di Sante Messe (feriali e festive), incluse quelle del Mercoledì delle Ceneri, sacramenti, sacramentali, liturgie e via crucis dalle ore 24 di oggi 23 febbraio 2020 fino alla mezzanotte del 1 marzo 2020.

Il vescovo invita tutti i fedeli, in sostituzione del precetto festivo e anche del Mercoledì delle Ceneri, inizio della Quaresima, a dedicare un tempo conveniente alla preghiera personale e in famiglia avvalendosi anche delle celebrazioni trasmesse dalla radio diocesana “Radio Kolbe” (frequenze: 94.5 Rovigo città, 91.2 Provincia e Bassa Padovana e 98.7 per l’alto Polesine) o dalla televisione.

Per quanto riguarda i funerali, saranno possibili le sepolture, anche con la benedizione della salma alla presenza delle persone più vicine al defunto, senza la celebrazione della Santa Messa o di altra liturgia; le S. Messe esequiali potranno essere celebrate solo al superamento di questa fase critica.

Sono sospesi tutti gli incontri di catechesi e ogni altra attività nei centri parrocchiali. Le scuole paritarie di ogni ordine e grado rimangono chiuse, come già disposto dalle autorità competenti. È sospeso il ritiro del clero previsto per giovedì 27 febbraio in Seminario. Sono sospese tutte le celebrazioni di carattere diocesano. Sono sospesi tutti gli incontri e le attività promosse dai diversi Uffici diocesani. È rimandato il convegno socio-politico in programma per sabato 29 febbraio 2020.

Le chiese presenti nel territorio diocesano rimarranno aperte, secondo consuetudine, per chi vorrà recarsi a pregare, evitando assembramenti di persone, ma non saranno celebrate le Messe.

Nel periodo indicato resteranno chiuse al pubblico: la Curia diocesana, l’Archivio diocesano, la Biblioteca del Seminario, la casa GP2 e il Seminario diocesano. A tali disposizioni devono attenersi anche tutte le aggregazioni laicali.

Il vescovo Pierantonio Pavanello inoltre invita i parroci e i sacerdoti ad accompagnare le comunità in questo momento particolare e a trovare altre modalità per sostenere la preghiera e l’inizio della Quaresima. Allo stesso tempo la Chiesa di Adria – Rovigo, consapevole anche dei disagi che ne possono derivare, invita tutti i fedeli ad accogliere con serenità queste disposizioni e li esorta alla preghiera per quanti sono più fragili nella salute e per tutti coloro che si stanno adoperando per fronteggiare l’emergenza".

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette