05/04/2020

CONSIGLIO COMUNALE

Nuove proposte per la sede del tribunale: "L'ex Fabbris o a Casa Serena sarebbero sedi perfette"

La proposta del capogruppo del Movimento Cinque Stelle, Mattia Maniezzo per il nuovo palazzo di giustizia

Cinque stelle in festa “E’ un gran risultato”

ROVIGO - "Che dire se non finalmente. Si, finalmente il consiglio comunale si è riunito per discutere di una tematica importante che avrà risvolti sull'intero complesso cittadino nei prossimi decenni", inizia così il lungo intervento del capogruppo del Movimento cinque stelle, Mattia Maniezzo in consiglio comunale durante la discussione.

"Premetto, che personalmente ho fatto tutto ciò che ho potuto per avere informazioni dettagliate riguardo alla sorte del carcere minorile (e conseguentemente del tribunale), compreso organizzare un incontro a Roma tra il nostro Sindaco ed il Ministero della Giustizia. Ho sempre portato la voce dei cittadini, ribadendo ad ogni mia interlocuzione con Roma, la volontà di non avere il carcere minorile nel cuore del nostro centro cittadino. Oggi, ci ritroviamo di fatto con una concretissima possibilità che il carcere arrivi in via Verdi..ma perchè?, se la volontà della città tutta è quella di non avere una struttura così delicata per una molteplicità di cause. Incolpare il ministero è ridicolo: gli uffici centrali lavorano in ottica di interesse nazionale. Semmai le responsabilità sono a carico della politica locale che, se non produce segnali o questi segnali sono timidi e fuori tempo massimo, non potranno di certo influire sulle decisioni Romane".

"Siamo tutti d'accordo che la passata amministrazione non ha posto in essere alcun dissenso alla possibilità di trasferimento, nonostante la notizia fosse nota. La domanda sorge spontanea: coloro che oggi dichiarano di voler fare le barricate, nel 2016, 2017 e 2018 dov'erano? aggiungo inoltre che all'epoca il Guardasigilli era Andrea Orlando. Ma da giugno 2019, abbiamo un'altra giunta, e quindi, un'altra domanda sorge spontanea: la nuova giunta ha messo in campo tutte le forze necessarie ed in modo celere per cercare di invertire il corso degli eventi? Bene, a mio avviso la risposta è no!! Oggi, 18 febbraio 2020 il Consiglio Comunale è chiamato a votare una mozione di forte dissenso alla decisione del Ministero sul Carcere Minorile. Il non arrivo di questa struttura, dovrebbe infatti dare la possibilità di ampliamento del Tribunale, mantenendo così nel centro storico, un polo di interesse strategico per il nostro già debole commercio cittadino. Nonostante il sindaco abbia sbandierato in campagna elettorale la necessaria permanenza del tribunale nella sua sede attuale (addirittura organizzò una raccolta firme), si evince, invece, che probabilmente le sue volontà erano ben altre. E' infatti apparso un articolo datato 14 Settembre 2019, ove veniva riportato un vertice in prefettura dove il Prof. Gaffeo già paventava l'ipotesi del Maddalena come sede del tribunale. Poi, veniamo a scoprire, non più di cinque giorni fa, che Lei sig. Sindaco, il 21 novembre ha richiesto alla Presidenza del Consiglio, una rimodulazione del progetto bando periferie per ubicarvi il nuovo Polo della Giustizia in luogo degli uffici comunali".

"Oggi Lei è il primo firmatario di questa mozione, mozione che, sinceramente, ha del ridicolo visto i suoi passi. Che credibilità politica possiamo avere se al Ministero indichiamo prima dove ricollocare il nuovo tribunale e dopo, mandiamo una mozione con scritto a chiare lettere che lo vogliamo nella sede attuale? Questo tema doveva essere trattato se non nel primo, ma massimo nel secondo consiglio comunale, perchè ad agosto eravamo già a conoscenza della velocità con cui il ministero stava procedendo. Perché non si è fatto nulla? E non venga a rispondermi perché è caduto il governo. La informo che se anche la politica cambia, gli uffici ed i dipartimenti lavorano comunque. Perché non si è aperta una discussione con tutte le forze politiche, in tempi congrui, riguardo le eventuali sedi alternative del tribunale? Perché non è stato chiesto al Ministero un'eventuale altra ubicazione del carcere minorile, visto che nel centro storico, di una cittadina di 60 mila abitanti avrà sicuramente pesanti ricadute sociali? Le conclusioni che ho tratto possono essere soltanto due: o Lei ha affrontato la questione con estrema superficialità e senza cognizione di causa, oppure vi sono altre motivazioni, che Lei non ha ben chiarito ai cittadini ed al Consiglio, per spingere il trasferimento all'ex Maddalena. Ex Maddalena, E' il caso di inserire una struttura del genere nel cuore di un centro residenziale e non terziario, che di tutto avrebbe bisogno tranne che di una cittadella giudiziaria? Vada a vedere, visto che parla spesso di città green, smart, start up, innovation lab ecc, quante città moderne inseriscono centri servizi cosí importanti all'interno di zone residenziali. In questo quartiere abbiamo scuole, parchi, centri sportivi, e giustamente manca il tribunale. Ma facciamo due conti facili facili. Anzitutto realisticamente un cantiere di tal portata, affinchè venga ultimato ha bisogno di minimo 8\10 anni di lavori. E' sicuro sig. sindaco che il ministero sia disposto, visto il carattere di urgenza della risoluzione della sede, a spendere circa 3 milioni euro di affitti in attesa che i lavori finiscano, prorogando di ulteriori 10 anni i disservizi dati dalla inidoneità della sede attuale? Io credo di no".

"Al costo di cui sopra, aggiungiamo circa 300\400 mila Euro di demolizione e tenendo conto che necessiteremo di circa 10 mila metri quadri di struttura, informandomi da varie aziende di costruzione, stiamo parlando di un prezzo realistico di costruzione al mq pari a circa 1500 Euro/mq. per un costo complessivo di 15 mln di Euro, a cui dovremmo aggiungere tutti i servizi esterni, quali strade marciapiedi aiuole ecc... Ne uscirà un progetto lungo, estremamente costoso per le casse pubbliche, che intaserà di traffico, rumore e smog (come se non ne avessimo già abbastanza), uno dei più bei quartieri residenziali della città rendendolo di fatto invivibile. Ricordo un'altra questione di rilevante importanza:  l'ex-Maddalena, è sotto ipoteca, quindi necessiterà di particolari operazioni bancarie per acquisirlo. Quali soluzioni alternative proponiamo?? Al netto di altre soluzioni, commissionate dall'Ordine degli Avvocati di Rovigo, il nostro gruppo ha elaborato 3 soluzioni estremamente diverse l'una dall'altra, tenendo conto dei canoni imposti dal Roma".

"Ex caserma silvestri. Sono di dominio comune le indiscrezioni che vogliano parte della ex caserma silvestri (di proprietà del demanio) affidata ad ubicazione dell'Archivio di Stato e Agenzia delle Entrate. Ho fatto alcune ricerche e non ho trovato documentazione di alcun tipo che avvalori tali indiscrezioni. Voi, come amministrazione, avete documenti che parlano in merito? Se la risposta è NO, consiglio vivamente di procedere con la massima velocità per capire nel dettaglio se c'è la possibilità di inserire in quell'area (circa 26 mila mq) una possibile realizzazione della cittadella giudiziaria, visto anche che per legge, i comuni hanno il diritto di prelazione nei confronti dei beni demaniali. Sarebbe forse la soluzione più logica per accontentare sia la cittadinanza tutta (recupero di un vuoto urbano e mantenimento in centro del tribunale) che il ministero (utilizzo di beni pubblici, metratura adeguata, parcheggi). L'unico punto di criticità potrebbe essere il carattere di urgenza, che in questo caso si prevederebbero dei lavori di ristrutturazione\adeguamento non certo immediati".

"Ex Fabbris. Altro vuoto urbano alle porte della città (siamo a cirka 1 km dal corso del popolo) che avrebbe quasi tutte le caratteristiche richieste dal ministero per poter ospitare il futuro tribunale. La struttura è già a norma, dispone delle metrature necessarie per i servizi ed i parcheggi, è economicamente molto vantaggioso, si parla di circa 3 mln di Euro per l'acquisto dell'intera area (a fronte di 2,6 min di un edificio da abbattere), inoltre sarebbe disponibile da subito. Con pochi lavori di adattabilità, in pochi mesi sarebbe pronto per ospitare il tribunale. Questa soluzione, porterebbe ad allargare la cintura cittadina, inserendo il servizio in una zona più idonea (non certo un quartiere residenziale) portando servizi connessi e sviluppo. Unica nota, ex Fabbris è di proprietà privata, ma d'altronde, anche l'ex Maddalena lo è.

"Casa Serena. Visto le condizioni disastrose in cui versa l'Iras (si parla di circa 5 mln di Euro di debiti, con un servizio a rischio) e, considerando anche le idee della giunta riguardo alla risoluzione di tal problema (che probabilmente non si riuscirà a risolvere) si puo' fare un ragionamento: perchè non proporre il trasferimento del Tribunale proprio a Casa Serena? Così facendo risolveremo due impellenti e gravi problemi della città con un'unica operazione. L'operazione è stata studiata nel dettaglio ed è fattibile. Si salvaguarderebbero gli ospiti (che verrebbero accomodati all'iras di S.Bortolo) i posti di lavoro, il servizio, i debiti (vendendo a prezzo di mercato lo stabile al Ministero), il servizio Giudiziario (avendo una struttura pubblica idonea come spazi, parcheggi, avremo velocità di realizzazione, logisticamente rapida da raggiungere tramite le arterie stradali ed autostradali) a soli 400 mt dal Maddalena. Queste sono le soluzioni, tenendo conto dei requisiti posti dal Ministero, che reputiamo più idonee, in un'ottica di sviluppo futuro e vivibilità della città tutta. Crediamo che questo sia fare politica: condivisione, discussione e risoluzione con lo sguardo in avanti; esattamente ciò che questa giunta non ha fatto su questo argomento. Invito inoltre, nuovamente, la Giunta a ragionare come convertire il palazzo che ora ospita il Tribunale, sapendo che è una questione che non solo coinvolge le  attività commerciali, ma anche il possibile degrado che si verrebbe a creare con un  ulteriore vuoto urbano. Noi ci siamo fatti portavoce di idee costruttive e ragionate, confidando che già da oggi la Giunta  si renda conto che il consiglio comunale è la voce dei cittadini e non un semplice organo che funge da passacarte".

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

Notizie più lette