29/03/2020

SICUREZZA

Anche a Rovigo arriverà il controllo del vicinato

Approvato dal Comune il progetto per venire incontro alle richieste dei cittadini preoccupati dai furti

Ancora i ladri scalatori in centro

ROVIGO - Si parte con il controllo di vicinato. Il Comune di Rovigo ha approvato, in sede di giunta, il progetto che intende venire incontro alle richieste dei cittadini che, preoccupati dai furti nelle loro vie e nei loro quartieri, chiedono di potere aiutare le forze dell’ordine, creando una rete Whatsapp tramite la quale segnalare movimenti e persone sospette. Una idea che sta prendendo sempre più piede. In aggiunta a questa, le zone dove si costituirà il controllo di vicinato saranno contrassegnate da appositi segnali. In alcune realtà, già questo si è rivelato un ottimo deterrente e ha indotto i ladri a spostarsi verso lidi meno “sorvegliati”.

Lo spirito è chiaro: niente, ronde, niente “sceriffi”, nessuna sostituzione al lavoro delle forze dell’ordine che, anzi, sono il destinatario finale delle segnalazioni. Secondo il progetto elaborato dal Comune, allora, ogni gruppo si terrà in contatto su Whatsapp e avrà un referente che, nel caso di segnalazioni “interessanti”, le trasmetterà alla polizia locale, che a propria volta valuterà se interessare anche le altre forze dell’ordine. I partecipanti dei gruppi riceveranno formazione, ma non vestiranno divise, né porteranno emblemi o distintivi di alcun tipo. Proprio perché il confine tra cittadini e forze dell’ordine deve restare netto e assolutamente invalicabile. Ora, si attende il definitivo nulla osta della Prefettura, che, però, già nelle recenti riunioni, ha mostrato di non essere assolutamente contraria a iniziative di altro tipo.

Il sindaco, poi, procederà alla firma delle convenzioni con i singoli gruppi. Il Comune, inoltre, potenzierà la videosorveglianza.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette