19/09/2020

CPIA

I ragazzi raccontano agli adulti gli orrori dei campi di concentramento

Il Giorno della memoria ai Venerdì culturali. Il prossimo incontro sarà venerdì 14 febbraio

I ragazzi raccontano gli adulti gli orrori dei campi di concentramento

ROVIGO - Nuovo incontro in occasione dei Venerdì culturali organizzati dal CPIA di Rovigo.

L’incontro, dal titolo “I ragazzi raccontano la Shoah”, si è svolto venerdì 31 gennaio alle 18 presso la sede del CPIA di Rovigo e ha inteso commemorare il Giorno della Memoria attraverso l’intervento di “testimoni” d’eccezione: i ragazzi delle scuole secondarie dell’Istituto Comprensivo Rovigo 4, la scuola secondaria “A. Riccoboni” e la succursale “Sante Zennaro” di Grignano Pol.

I ragazzi delle classi seconde e terze dei due plessi hanno risposto con entusiasmo alla proposta di presentare le attività didattiche svolte con i loro docenti su questa pagina di storia dell’umanità che lascia tutti sgomenti per la sua efferatezza.

Tanti i momenti di profonda commozione condivisi dal pubblico: dalla lettura espressiva dei ragazzi di brani significativi tratti dal testo di Liliana Segre “Fin che la mia stella brillerà”, seguiti dalla prof.ssa Enrica Milan; ad altre letture presentate dagli alunni della prof.ssa Rosita Orlando come la recitazione del testo di Shemà, tratta dal libro di Primo Levi “Se questo è un uomo”; alla espressiva interpretazione di “C’è un paio di scarpette rosse” di Joyce Lussu, preparata dai ragazzi seguiti dalla prof.ssa Gisella Montagnolo; ai brani di testi sulla Shoah presentati dagli alunni della prof.ssa Patrizia Passarella.

Il coro delle scuole secondarie, diretto dalla prof.ssa Anna Teresa Cattozzo, ha cantato “Gam gam”; i ragazzi delle diverse classi, diretti dalla prof.ssa Munari, hanno suonato “Aushwitz” di Guccini e cantato “La vita è bella” dalla colonna sonora del film omonimo di Roberto Benigni, accompagnati dal violino suonato dalla prof.ssa Angela Rosito; infine tutti i ragazzi presenti hanno suonato “Shindler’s list” dall’omonimo film, sempre con l’accompagnamento del violino. Queste parentesi musicali hanno guidato i presenti nel percorso di rivisitazione della Shoah dal punto di vista dei ragazzi e dei loro lavori di approfondimento sull’olocausto.

Il pubblico ha ringraziato con un lungo applauso le testimonianze dei ragazzi che hanno aiutato gli adulti a ritrovare la memoria celebrata in questa giornata: un monito a tutti per ricordare ciò che è accaduto, che è impossibile comprendere, come Primo Levi ha sostenuto nei suoi scritti, ma che bisogna conoscere affinché non abbia più a ripetersi.

Il prossimo incontro dei Venerdì culturali del CPIA di Rovigo sarà venerdì 14 febbraio alle 20.30, sempre presso la sede del CPIA in via Mozart n. 8 a Rovigo, e riguarderà un altro importante evento storico: il Giorno del Ricordo, con il maggiore Bonfiglio, Presidente provinciale dell’U.N.U.C.I., come relatore.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette