22/10/2020

BEFANA IN BICICLETTA

Sole e meraviglie locali per un Befana speciale, sulle due ruote

Un inizio d’anno decisamente partecipato per gli Amici della Bici con la prima proposta del 2020

ROVIGO - Un inizio d’anno decisamente partecipato per gli Amici della Bici con la prima proposta del 2020. Sul filone della valorizzazione del territorio  e la pratica del cicloturismo interno - tra le  linea guida delle attività sociali già adottate e che andranno riconfermate per il prossimo futuro - Fiab Rovigo ha proposto per domenica 5 gennaio una bella pedalata all'insegna anche della tradizione con la cicloescursione Bicibefana, attività a cui ha aderito, oltre che numeroso soci polesani,  un nutrito ed allegro gruppo di Fiab Mirano  e Fiab Bassa in Bici Legnago a testimoniare che il nostro territorio è attrattivo e ha insite molte potenzialità.

Nella soleggiata prima domenica dell’anno molti partecipanti, in tema con la cicloescursione e la ricorrenza, hanno adottato camuffamenti befaneschi che le popolazioni di Concadirame, Ca Zen e Lusia, hanno potuto ammirare, piacevolmente stupiti, al passaggio e alle soste del nutrito gruppo di bici anch’esse allestite con vecchie scopa di saggina.

Meta della pedalata, con partenza da Rovigo,  è stata Lusia, raggiunta lungo l’argine dell’Adige che ha offerto suggestive visioni di paesaggi invernali, come solo il movimento lento consente e fa apprezzare. Giunti a destinazione i partecipanti hanno visitato il centro con sosta presso l’antica Torre Morosini, di cui  è stata illustrata la storia, purtroppo anche tragica, che ha caratterizzato la cittadina nei secoli scorsi. Successivamente il nutrito gruppo di impavidi befane e befani si sono recati all’ortodidattico "Il profumo della freschezza". Qui  il titolare Renato Maggiolo ha deliziato palato e occhi, accompagnando  nei luoghi della coltivazione con una ampia spiegazione delle tecniche produttive dei vari tipi di radicchio, in particolare la tecnica della "busa2, ma soprattutto sottolineando il ciclo esclusivamente biologico adottato per la produzione. L’ammirazione per questa bella realtà locale, soprattutto per i “foresti”  di Mirano e Legano, ha lasciato presto il posto alla degustazione vera e propria di un menù interamente vegano che, per qualità e quantità, ha sorpreso positivamente anche i più “scettici”, accolti all’interno della struttura appositamente preparata.

Al termine dell’allegro raduno, befane e befani in bicicletta hanno intrapreso il percorso di ritorno verso Rovigo, lungo l’Adigetto e toccando Roverdicre’  accompagnati dalle calde tonalità del cielo al tramonto e con la promessa, su richiesta degli stessi soci partecipanti, di dare all’iniziativa carattere permanente nel calendario FIAB Rovigo. Una trentina di chilometri percorsi nell’arco di una giornata “solare” che, oltre a far godere delle bellezze e delle bontà del Polesine, ha dimostrato, come è nell’ottica FIAB, che la bicicletta è un facile, amichevole, attraente e divertente mezzo di trasporto, amico dell’ambiente e delle persone.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette

8 nuovi casi in Polesine: un altro studente e due positivi in casa di riposo
CORONAVIRUS IN POLESINE

Nuovi casi di covid in casa di riposo