24/09/2020

ROVIGO

"Fri-el Aprilia peggio di Nuova Amit"

Il Comitato Ambiente delinea un primo bilancio degli ultimi mesi a fianco della nuova amministrazione

"Fri-el Aprilia peggio di Nuova Amit"

ROVIGO - Il Comitato ambiente delinea un primo bilancio degli ultimi mesi a fianco della nuova amministrazione.

"Il Comitato Ambiente di Mardimago, Boara, Sarzano e Rovigo Nord, che da circa trent’anni ha assunto l’iniziativa di osservazione e di studio della convivenza ambientale non facile tra i cittadini e le attività produttive che si sono insediate nella zona, esprime il più vivo apprezzamento sul lavoro che si sta svolgendo di accertamento sulle criticità ambientali, e con conseguente  provvedimento adottato dalla Amministrazione Provinciale che censura e diffida la ditta Fri-El Aprilia che è subentrata alla Ex Nuova Amit nella produzione di compost. Bisogna partire dal fatto che purtroppo negli ultimi 10 anni le amministrazioni sono state poco attente e sensibili al problema ambientale che questi cittadini vivono quotidianamente, anche se da molto tempo il Comitato Ambiente ha segnalato e scelto il percorso istituzionale di interessamento delle autorità ed enti competenti sul controllo, evitando iniziative che avessero solo il significato di produrre clamore mediatico e di dare sfogo alle istanze di protagonismo. Questa nuova amministrazione dà il segnale di essere più attenta, e dopo gli incontri con il Sindaco Edoardo Gaffeo e gli Assessori Dina Merlo ed Erika Alberghini del 10 settembre, si è successivamente svolto il 17 dicembre l’incontro con la terza Commissione comunale presieduta da Giorgia Businaro, che si occupa di Ambiente, presente l’Assessore Dina Merlo, inoltre si sono svolti contatti con gli Uffici dell’Amministrazione Provinciale".

"Ci si aspettava certamente, che da un coerente e sinergico lavoro si arrivasse ad individuare i problemi odorigeni presenti, e quindi al provvedimento che è stato adottato e che non può che rappresentare solo il primo tassello di un percorso che non può che riportare la normalità ed il rispetto dell’ambiente e della vita dei cittadini della zona. Le violazioni evidenziate nel provvedimento sono la certificazione che le segnalazioni fatte dal Comitato Ambiente sono più che fondate e che la nuova proprietà che si è insediata ed ha rilevato la Ex Nuova Amit non si è presentata certo con le intenzioni di migliorare la convivenza con il territorio, e con quel senso di responsabilità che è necessario in una zona che necessita di particolare rispetto sia per le emissioni atmosferiche, che per il pericolo di inquinamento dei terreni e delle falde acquifere oltre che l’esigenza di evitare intasamenti ad una viabilità progettata quando era frequentata solo da carri agricoli. Il Comitato infine, ritiene utile sottolineare che apprezza la sensibilità istituzionale dimostrata dall’attuale amministrazione comunale ed auspica che questo approccio diverso dal passato, abbia continuità e che possa dare i suoi frutti. Quei frutti che da troppi anni si stanno aspettando. Un occhio di attenzione anche sul fatto che attività produttive significa occupazione, per questo va creata una condizione e sinergia stabile ed armoniosa di rispetto dell’ambiente che sta intorno, pensando che si sta lavorando in un territorio che non era nato nè progettato per ospitare attività produttive di questi livelli e di queste dimensioni".

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

Notizie più lette