Cerca

VIDEO

Scopri la gallery

VIDEO

FOTO

Scopri la gallery

FOTO

IN 3 MINUTI - 22/06/22

IL POLESINE PIANGE IL SINDACO GABRIELLI - Si è spento ieri all’età di 67 anni - Una notizia scioccante ha fatto presto il giro della provincia di Rovigo: è morto martedì sera scorso Claudio Gabrielli, il sindaco di Villamarzana. Gabrielli aveva 67 anni, lottava da due anni con un brutto male. Nei giorni scorsi era stato ricoverato in ospedale. Purtroppo non ce l'ha fatta. Appassionato politico, dirigente del Consorzio Trasportatori Artigiani Rodigini, ironico, infinitamente legato al suo territorio, Gabrielli è stato uno dei fautori della Macroarea I3 tra Villamarzana e Arquà in cui ha sempre creduto. Tra i tanti a ricordarlo anche il prefetto, Clemente Di Nuzzo, che ha voluto rendere omaggio personalmente alla salma, porgere le condoglianze alla moglie e ai figli e ricordare “la correttezza, il rigore morale e la sua grande capacità di amministrare la comunità, riservando attenzione ad ogni singolo cittadino”. L’ultimo saluto al sindaco e imprenditore sarà celebrato venerdì 24 giugno alle 10 nella chiesa di Villamarzana. 

 

L’ADDIO A CLAUDIO TRA LE LACRIME - L’ultimo saluto al caposquadra dei vigili del fuoco di Rovigo - Il suo casco rosso da caposquadra che lo accompagnerà per l'ultimo viaggio, il picchetto d'onore che si stringe ai familiari, l'urlo della sirene, che paiono salutarlo e dargli l'arrivederci, i petali di rosa che cadono dal cielo, dall'autoscala dei pompieri. E' stato un addio straziante e dolcissimo, quello che i vigili del fuoco, ma più in generale le due comunità di Rovigo e di Buso, hanno tributato a Claudio Bombonato, 56 anni, portato via dalla malattia contro la quale lottava da circa un anno. C'erano centinaia di persone, a testimonianza di quanto Claudio si fosse fatto volere bene e stimare, nel corso degli anni. "Aveva seminato bene", come ha voluto ricordare, significativamente, anche il sacerdote, nel corso dell'omelia, in chiesa a Buso, dove Claudio viveva, da sempre. 

 

ARMATO DI COLTELLO, IMMOBILIZZATO DAI CARABINIERI - L’episodio accaduto stamane a Taglio di Po - I carabinieri della stazione di Porto Viro hanno denunciato a piede libero per minaccia e molestie un uomo marocchino 28enne senza fissa dimora. I militari operanti sono intervenuti in un supermercato di Taglio di Po dove poco prima era stato segnalato un individuo in evidente stato di alterazione che, con atteggiamenti violenti e nascondendo un coltello nella tasca dei pantaloni, causava disordini al suo interno. Giunti sul posto i militari dell’Arma individuavano nel distributore di carburanti vicino l'uomo che alla vista dei carabinieri tentava di allontanarsi dirigendosi verso una donna intenta a fare rifornimento, ma veniva prontamente fermato e immobilizzato. 

 

FINISCE IN CANALE IN MOTO - Incidente nella notte per un motociclista - Momenti di terrore, poco prima delle due di notte di ieri, sulla Statale 16, tra Bosaro e Polesella, all'altezza di Palazzo Rosso. Qui, infatti, un motociclista, in seguito a una perdita di controllo autonoma, perlomeno secondo le prime ricostruzioni, è finito contro il guard rail, con la moto che ha proseguito la propria corsa finendo nel canale a bordo strada. Per fortuna, non ha riportato gravi conseguenze, a livello fisico, mentre la moto si è inabissata, scomparendo del tutto alla vista. Del recupero si sono occupati, nelle ore successive, in orario diurno, i pompieri, appoggiati dai carabinieri. 

 

A ROVIGO TORNA “DONNE DA PALCOSCENICO” - La rassegna organizzata da Minimiteatri - Parità di genere, ma anche ambiente, sostenibilità, istruzione di qualità, cura del benessere della della comunità sono gli spunti, ripresi dall’agenda 2030, alla base della rassegna “Donne da Palcoscenico”, organizzata da Minimiteatri, per la direzione artistica di Letizia Piva, quest’anno sottotitolata “Dell’Altrove Ti parlo – altri Linguaggi per nuovi Incontri”. L’ottava edizione si terrà nel Chiostro degli Olivetani e sarà una ricerca di linguaggi alternativi. E’ proprio l’eclettica artista ad aver presentato gli eventi in sala Rotary dei Grandi Fiumi. Si inizia il 29 giugno alle 21 con “Groppi d’amore nella scuraglia”, quindi l’1 luglio alle 21 con il teatro-danza di Giselda Ranieri che presenterà “Tita” e “Impromptu” composizione sulle musiche dal vivo di Gessica Rampazzo ai flauti e Marco Schiavon all’oboe. Il 2 alle 21 “Nella poesia”, lettura scenica di Marco Munaro e Letizia Piva, mentre il 3 e il 4 alle 18 e alle 19.30 ci sarà “La zingana”, sperimentazione che unisce il teatro al linguaggio del digitale con protagonisti Paolo Rossi e Francesca Botti. Serata finale il 5 luglio alle 21, con la premiazione dei tre finalisti del concorso internazionale site-specific di Donne da Palcoscenico. 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Impostazioni privacy