Cerca

VIDEO

Scopri la gallery

VIDEO

FOTO

Scopri la gallery

FOTO

IN 3 MINUTI - 08/06/22

Camion si ribalta - Transpolesana bloccata – Autista soccorso con l’elicottero

Ha toccato il guardrail e non è riuscito a governare l’oscillazione dell’autoarticolato successiva all’impatto: il camion, che trasportava bobine di ferro, ha terminato la propria corsa adagiato su un fianco, di traverso, occupando entrambe le corsie della Transpolesana, all’altezza dello svincolo per il centro commerciale Il Faro, in direzione Rovigo. La motrice, invece, è finita fuori strada, e il conducente, un camionista italiano dipendente di una ditta di autotrasporti del Sud Italia, è rimasto ferito: per lui, un trauma cranico, sospette fratture e un forte colpo all’addome. L’incidente è accaduto ieri mattina alle 11, nella corsia sud del tratto polesano della Ss 434. Il traffico nella zona è immediatamente andato in tilt, con lunghe code. Il tratto è rimasto chiuso per tutto il pomeriggio.

Forte vento: danni in centro – Crolla una passarella dei carabinieri

Il forte vento di martedì sera ha sradicato una passerella all'interno del comando provinciale dei carabinieri di via Silvestri, nel centro di Rovigo. Si tratta di una struttura di legno e metallo, usata dai militari dell'Arma per raggiungere le antenne per le trasmissioni, ospitate sul tetto dell'edificio. Viste le precarie condizioni della passerella, questa mattina, i carabinieri hanno richiesto l'intervento dei vigili del fuoco di Rovigo, che hanno messo in sicurezza la struttura, che dovrà comunque essere completamente rifatta. Il vento ha creato danni e disagi a macchia di leopardo in molte zone della città: sempre stamattina, i vigili del fuoco sono intervenuti sulla Statale 16, all'altezza di Boara Pisani, per un grosso ramo caduto in strada; mentre in centro alcuni bar segnalano danni subiti dai propri plateatici.

Una nuova casa per Ecoambiente – Inaugurata la sede all’Interporto 

Ufficializzata e presentata, questa mattina, la nuova sede di Ecoambiente in zona Interporto, frutto dell’acquisto dal Consvipo. “Quando nacque Ecogest, l’azienda pubblica dei rifiuti, i suoi uffici erano in affitto - ha spiegato Marco Trombini, presidente Ecoambiente - Da gennaio 2021 abbiamo avuto l’affidamento trentennale e sono iniziate le trattative per trovare una sede più consona”. Poco distante dal complesso sorge anche uno dei capannoni di raccolta di Ecoambiente, che permette quindi una logistica ed una gestione migliore dei servizi. Soddisfatto anche Adriano Tolomei, amministratore delegato dell’azienda. “Da un affitto di oltre 60 mila euro l’anno passiamo ad un acquisto che ha un valore di circa 675mila euro, ammortizzabile in più anni attraverso un piano industriale di 30 anni – ha detto - Nel mese di ottobre, ragionevolmente, si pensa al trasferimento delle persone sia dei ruoli amministrativi che direzionali e tecnici”.

Un murales illumina Villanova del Ghebbo – Taglio del nastro alla scuola primaria

Inaugurazione, questa mattina, del nuovo murales realizzato a Villanova del Ghebbo, nella scuola scuola primaria "Mazzini", facente parte dell'Istituto comprensivo Costa di Rovigo-Fratta Polesine, da Deltarte "Il Delta della creatività". Presenti il vicesindaco di Villanova, Martina Mosca, la direttrice artistica di Deltarte, Melania Ruggini, e la responsabile del plesso scolastico, Elena Munari. Il murales, realizzato da Fiammetta Ghiazza e Maria Bressan dello Studio creativo Brezza, ha visto la partecipazione attiva degli alunni, alcuni con laboratori specifici, altri attivamente per stendere il fondo dell'opera d'arte, dedicata all'unicità del mondo della scuola, il "Mondo gentile".

Ultima campanella: studenti in festa – Finisce l’anno: arrivederci a settembre 

Ultimo giorno di scuola in Veneto, e anche in provincia di Rovigo. Come sempre, dopo l’ultima campanella è scoppiata la festa degli studenti, che si sono riversati nelle vie del centro. Con una novità: quello che era il tradizionale bagno nella fontana di piazza Merlin, a quanto pare, non va più di moda. E i ragazzi, piuttosto, hanno preferito radunarsi nelle piazze o davanti alle scuole per salutarsi e darsi appuntamento a settembre. Quello appena terminato è stato un anno difficile ma che ha segnato, dopo due anni scolastici a singhiozzo, un primo vero ritorno alla normalità. Nella speranza che, a settembre, si possa tornare in classe finalmente senza restrizioni e senza più l’incubo del Covid.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Impostazioni privacy