20/09/2021

CONSUMI

Da ottobre impennata dei costi dell'energia

Aumenti di 110 euro all'anno a famiglia per l’elettricità e di 281 euro per il gas

Arrivano i contatori intelligenti: 30mila solo nel capoluogo

15/09/2021 - 14:16

Destanoallarme le stime di rincaro dei prodotti energetici, soprattutto per quanto riguarda gas ed elettricità. Stando alle stime dell’Enei fattori climatici, l’incremento del Pil e della produzione industriale hanno determinato una impennata nella domanda di energia. Si parla di una crescita del 30% per il gas e del 20% per l’elettricità.

Che si sommano ai già forti aumenti registrati nel corso dell’ann. Si tratta di un dato che, se il Governo non interverrà per calmierare, avrà ripercussioni pesanti suii cittadini, costretti non solo a fare i conti con l’aumento delle proprie bollette, ma anche con il rincaro generalizzato dei prezzi dovuto all’aumento dei costi di produzione e di trasporto. Un andamento che si traduce, in termini diretti, in un aggravio di 110 euro all'anno per l’energia elettrica e di 281 euro per il gas.

Se si aggiungono gli aumenti del carburante e dei trasporti, la stangata per ogni famiglia potrebbe arrivare a 669 euro annui.

“È giunta l’ora di dare un taglio ad accise, oneri di sistema, voci desuete e ingiustificabili che appesantiscono le bollette e svuotano le tasche dei cittadini.” – afferma Emilio Viafora, Presidente Federconsumatori. – “Era la fine del 2018 quando abbiamo presentato al Parlamento migliaia di firme di cittadini che si univano alla nostra richiesta di una riforma degli oneri di sistema. Da anni, inoltre, invochiamo una rimodulazione delle accise dei carburanti per fare in modo che si riducano automaticamente calmierando i prezzi quando il costo della materia prima aumenta”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


Notizie più lette