20/09/2021

green pass

Cosa si può fare e cosa no

Il certificato verde deve essere mostrato da tutti i cittadini di età superiore ai 12 anni

Green pass: ecco cosa si può fare

24/07/2021 - 09:39

ROVIGO - Green pass, cosa si può e cosa non si può fare. E’ la domanda che circola maggiormente tra le persone dopo che il governo ha varato le nuove regole antiCovid. Molte le novità: dai ristoranti al tempo libero, dalle attività sportive ai trasporti; dai vaccini alle discoteche. Il certificato verde deve essere mostrato da tutti i cittadini di età superiore ai 12 anni. Sono esentati i soggetti che hanno idonea certificazione medica.

I trasporti Per il momento, per viaggiare in Italia al momento non sarà necessario esibire il Green pass. Su treni, aerei e navi il governo ha deciso di rinviare l’entrata in vigore dell’obbligo di esibire la certificazione verde. Rimangono dunque le regole già previste che impongono il distanziamento per chi non è convivente sia per i posti a sedere, sia quando si sta in piedi.

Lo sport Per svolgere l’attività sportiva al chiuso sarà obbligatorio esibire il Green pass. L’elenco delle attività comprende piscine, centri natatori, palestre, sport di squadra, centri benessere, anche all’interno di strutture ricettive. Il decreto approvato dal governo prevede anche le capienze degli stadi e dei palazzetti dello sport.

Ristoranti e bar In zona bianca si dovrà presentare il Green pass se si vuole andare al ristorante al chiuso e negli altri locali come bar, pub, pasticcerie e gelaterie al chiuso e sedersi al tavolo. Non sarà necessario il Green pass per chi sta all’aperto. Non sarà necessario il Green pass per le consumazioni al bancone. I dipendenti dei luoghi di ristorazione dovranno avere il Green pass e indossare la mascherina. Rimangono comunque validi i protocolli già in vigore e dunque quando si sta al chiuso - anche con il Green pass - bisognerà indossare la mascherina quando non si sta al tavolo. Al chiuso è previsto un numero massimo di sei persone al tavolo. Per i banchetti seguenti le cerimonie civili e religiose il Green pass era già stato previsto. Non c’è un numero massimo di persone a tavola. Il decreto prevede l’ingresso con il Green pass nelle zone gialla, arancione e rossa, laddove sia consentito e alle condizioni previste per le singole zone. In zona gialla si può andare nei ristoranti e nei bar al chiuso fino alle 18. In zona arancione e rossa i ristoranti sono aperti soltanto per l’asporto e la consegna a domicilio fino alle 22, i bar fino alle 18 , le vinerie e le enoteche fino alle 22.

Eventi e spettacoli Il Green pass sarà obbligatorio per numerose attività del tempo libero. La lista comprende: spettacoli aperti al pubblico, musei, istituti e luoghi della cultura, mostre, sagre e fiere, convegni e congressi, centri termali, parchi tematici e di divertimento, centri culturali, centri sociali e ricreativi limitatamente alle attività al chiuso, sale gioco, sale scommesse, sale bingo e casinò. Il decreto prevede che in zona bianca e in zona gialla, gli spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche, locali di intrattenimento e musica dal vivo e in altri locali o spazi anche all’aperto, sono svolti esclusivamente con posti a sedere preassegnati e a condizione che sia assicurato il rispetto della distanza.

Discoteche Le discoteche rimangono chiuse. Il governo ha deciso la linea dura e ha inserito nel decreto una norma che dispone la sospensione delle attività che abbiano luogo in sale da ballo, discoteche e locali assimilati.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:



Notizie più lette