20/06/2021

La protesta

"Sarò a fianco dei pescatori"

L'assessore Cristiano Corazzari in prima linea con i pescatori durante la protesta nazionale di sabato

L'assessore in prima linea con i pescatori

Cristiano Corazzari

VENETO - Anche l'assessore regionale alle Pesca Cristiano Corazzari sarà a fianco dei pescatori sabato 12 giugno per la protesta a Venezia che si svolgerà a livello nazionale. Lo scopo è eliminare la riduzione dello sforzo pesca previsto dalla Commissione Europea. "Sarò a fianco dei pescatori", scrive Cristiano Corazzari mostrando un cartello #salviamolapesca.

Sabato 12 giugno tutto il mondo della pesca si ferma per protesta contro la decisione della Commissione Europea di ridurre ancora i giorni annui di attività in mare. Una sollevazione, al grido di “Salviamo la pesca”, che coinvolge anche il Polesine e che vede la presa di posizione di Confcooperative Rovigo a fianco dei pescatori. “Il mondo della pesca è importante non solo perché rappresenta di per sé un importante settore dell’economia – commenta Marco Spinadin di Federagripesca Veneto – ma soprattutto perché è strettamente collegato ad altri comparti, come il turismo e la ristorazione, vitali per il tutto tessuto economico”.

Comparti che a livello locale sono parte dell’identità stessa del Delta e di tutto il territorio polesano. Sono una ventina le cooperative di pescatori affiliate a Confcooperative. “Ma è tutto il mondo della polesana ad essere vicino ai colleghi cooperatori e operatori della pesca in questa essenziale battaglia per la sopravvivenza”, commenta Simone Brunello, direttore di Confcooperative Rovigo.

La mobilitazione di sabato nasce dalle nuove restrizioni alla pesca previste dalle politiche europee, in particolare dall’approvazione del regolamento per la gestione delle risorse per il Mediterraneo occidentale, che fissa di fatto al 40% la riduzione dell’attività di pesca entro il 2024, come segnalato dall’Alleanza delle cooperative italiane. Una riduzione che si aggiunge al 20% già imposto in tre anni alla pesca italiana e alla demolizione della flotta di oltre il 16% in un decennio.

La protesta è nazionale e vedrà due piazze simbolo: Mazara del Vallo e Venezia, in cui si concentreranno i partecipanti. Nel capoluogo lagunare l’appuntamento è alle 10.30 alle fondamenta Le Zattere. 

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


Notizie più lette