19/06/2021

Arquà Polesine

In tanti per l'ultimo saluto al Cin

Questa mattina i funerali di Alberto Genesini, 52enne storico fornaio di due negozi di generi alimentari ad Arquà e Bosaro

ARQUÀ POLESINE - La chiesa di Arquà Polesine era piena, così come il sagrato, per l'ultimo saluto ad Alberto Genesini, 52enne storico fornaio di due negozi di generi alimentari ad Arquà e Bosaro. A celebrare il rito funebre don Vincenzo Cerutti, parroco della chiesa di Sant’Andrea Apostolo ad Arquà e di San Sebastiano a Bosaro. Alberto, per tutti "Cin" è morto martedì sera scorso, all’ospedale, dov’era ricoverato da tempo. Un paio di mesi fa, accidentalmente, aveva ingerito uno stuzzicadenti senza dare peso alla cosa, ma dopo i primi malesseri e dolori è finito in una spirale di dolore che lo ha portato alla morte. 

Il Cin, soprannome che aveva ereditato dalla famiglia, era conosciuto e apprezzato da tutti per il suo carattere, la sua disponibilità e la sua professionalità. Aveva gestito il forno di Arquà, in località San Marco, e l’annessa rivendita di pane e generi alimentari, venduto un paio di anni fa, non prima, era il 1997, di averne aperto uno a Bosaro, diventando un punto di riferimento per tanti. Da giovane aveva giocato a rugby, era anche un grande appassionato di calcio, e per qualche stagione, una decina di anni fa, aveva guidato - come allenatore - la formazione degli Amatori Arquà. Una famiglia, quella del Cin, sconvolta ancora da un lutto tremendo: solo due anni fa il fratello Giuliano era morto per un infarto a soli 58 anni.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:



Notizie più lette