14/06/2021

La tragedia

Tommaso non ce l'ha fatta, dopo due giorni tra la vita e la morte

Il piccolo di 10 anni era stato rianimato dal Suem di Rovigo dopo aver accusato un malore nella propria abitazione, a Stanghella

Mamma trasferita d'urgenza partorisce in ambulanza, bimbo lesionato

ROVIGO - Non ce l'ha fatta Tommaso Zattarin, il piccolo di 10 anni che l'altro giorno, mercoledì 12 maggio, era stato rianimato dal personale del Suem di Rovigo dopo aver accusato un malore nella propria abitazione, a Stanghella.

Dopo aver lottato per due giorni, tra la vita e la morte, si è spento nella giornata di oggi, venerdì 14, nell'ospedale di Padova, dov'era ricoverato in prognosi riservata.

La commissione medica, infatti, non ha potuto fare altro che accertarne la morte cerebrale. Una tragedia enorme che si abbatte sulla sua famiglia, la mamma Marta e il padre Giancarlo, e più in generale su tutta la comunità di Stanghella. 

Il piccolo aveva avuto un arresto cardiaco mentre era in vasca da bagno, nella propria abitazione. Lo scompenso cardiaco sarebbe stata causata da una crisi epilettica. Immediatamente erano arrivati a casa sua i sanitari del Suem 118 di Rovigo, che in un primo momento l'avevano rianimato, salvandogli la vita. 

Poi, il piccolo era stato elitrasportato in ospedale a Padova, in gravi condizioni. Qui, ha lottato per 48 ore come un leone, prima di spegnersi.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


Notizie più lette