20/10/2021

PORTO TOLLE

“Siamo all’osso, se siamo fortunati guadagniamo 400 euro al mese”

Le parole del pescatore Dani Azzalin: "Non sono state mantenute delle promesse fatte"

“Qui si vive con 400 euro al mese”

08/04/2021 - 15:22

PORTO TOLLE - “Siamo arrivati all’osso, i pescatori, se sono fortunati, arrivano a guadagnare circa 400 euro al mese”: a dirlo è il pescatore Dani Azzalin. Dice che non sono state mantenute delle promesse fatte. “Non sono state vivificate le lagune e la semina delle vongole non è stata fatta bene – spiega - E’ come avere un terreno non seminato e non coltivato. Sono i presidenti delle 14 cooperative che dovrebbero interessarsi della questione. Se rimaniamo senza vongole viene compromessa tutta l’economia. Sono 1500 stipendi e il reddito viene veramente ridotto al minimo”. Dice che i pescatori se escono in barca, anche per sei ore, hanno comunque spese alte di carburante e il più delle volte non riescono nemmeno ad ottenere la “quota” del lavoro svolto.

Serve un piano mirato per procedere a lavorare tutti insieme – continua - Non dobbiamo limitarci a pensare e attendere che arrivino ‘tempi migliori’, perché i tempi migliori non arrivano da soli, ma bisogna darsi da fare e tirarsi su le maniche e remare tutti nella stessa direzione”. Il mondo della pesca in questi ultimi anni ha avuto varie vicissitudini. Un po’ causate dal maltempo che ha recato gravi danni alle capanne e alle imbarcazioni. Poi la questione di diretti esclusivi di pesca, poi il discorso della sabbia nelle lagune e quindi le tante difficoltà ad uscire con le barche perché servono lavori di dragaggio. Purtroppo, anche per la categoria della pesca, il Covid e il lockdown hanno creato disagi perché i ristoranti, essendo chiusi, non hanno richiesto il prodotto come gli altri anni. Insomma, il momento non è affatto facile.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


Notizie più lette