08/03/2021

L'inchiesta

Regioni e vaccini, la Procura di Perugia prova a fermare il Veneto

Vietato per legge comprare vaccini, in arrivo i Nas anche alla Regione Veneto

Regioni in cerca di vaccini, la Procura di Perugia prova a fermare Zaia

Raffaele Cantone, procuratore di Perugia

La procura della Repubblica di Perugia ha dato mandato ai carabinieri del Nas del capoluogo umbro di acquisire alcuni documenti presso la struttura del Commissario straordinario per l'emergenza Covid e all'Aifa.

Come riportano le agenzie di stampa, in particolare viene richiesto di accertare le modalità di approvvigionamento dei vaccini, il quadro normativo-contrattuale vigente a livello nazionale ed europeo, le modalità e i criteri per la distribuzione tra regioni, nonché se risultino regioni italiane che abbiano inoltrato istanze all’Aifa e al commissario per un approvvigionamento diretto.

L'acquisizione dei documenti è stata disposta dalla procura perugina - guidata da Raffaele Cantone - nell'ambito delle indagini su un tentativo di truffa del quale è accusato un quarantenne incensurato, originario della provincia di Messina che aveva cercato di vendere all'Umbria dosi di vaccino Astrazeneca. 

L'acquisizione di documenti riguarderà anche la sede della Regione Veneto. L'obiettivo - in base a quanto viene riferito - è di accertare presunti proponenti di forniture di vaccino in deroga agli accordi con le Autorità centrali.

In pratica la Procura di Perugia diventa protagonista della delicata partita dei vaccini. Un intervento che rischia di bloccare la partita delle Regioni che proprio ad Aifa e commissario si erano rivolte per chiedere il permesso a verificare l’eventuale presenza di vaccini sul mercato. 

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette