03/03/2021

SICUREZZA

"Il Polesine diventerà la prima provincia in Italia con la videosorveglianza completa di tutto il territorio"

Il protocollo per un "Polesine sicuro" è stato firmato questa mattina in prefettura a Rovigo

ROVIGO - Un progetto sperimentale per la videosorveglianza nell'intera provincia di Rovigo, primo a livello regionale e nazionale. E' quello che è stato presentato questa mattina, giovedì 28 gennaio, in Prefettura a Rovigo alla presenza del prefetto, Maddalena De Luca, dell'assessore regionale alla Sicurezza, Cristiano Corazzari, del presidente della Provincia, Ivan Dall'Ara, dei sindaci di Rovigo, Edoardo Gaffeo, e di Occhiobello, Sondra Coizzi. Oltre che tutti i rappresentanti delle forze dell'ordine, Carabinieri, Polizia di Stato e Guardia di Finanza.

"Questo è il primo stralcio del progetto 'Polesine sicuro' - ha introdotto il prefetto De Luca - un sistema sorveglianza che, quando sarà a regime, renderà il Polesine la prima provincia in Italia con un controllo completo di tutto il territorio, grazie a telecamere di ultimissima generazione. E' un progetto finanziato dalla Regione Veneto che, oltre a diventare uno strumento di deterrenza per i crimini, sarà di grande ausilio alle forze dell’ordine per le indagini. Oggi ci sarà la firma del protocollo per consentire l'acquisizione dei dati e la loro titolarità, che saranno accumulati in server presenti in Procura e il cui accesso sarà disciplinato con regole rigide e stringenti dal ministero dell'Interno". "Devo ringraziare le forze dell'ordine qui presenti perché hanno seguito il progetto nei minimi dettagli, dalla sicurezza del dato alle tecniche di installazione, con l'obiettivo di aumentare gli standard di sicurezza".

L'assessore regionale Corazzari ha quindi sottolineato, come rappresentante regionale e polesano "l'importanza del momento". "Il Polesine diventa luogo di un progetto sperimentale a livello nazionale - le sue parole - verranno controllati i passaggi in ingresso e in uscita, monitorati da una centrale unica di raccolta dati che sarà a disposizione delle forze dell’ordine. E' un punto di arrivo e di partenza per avere tutti i dati a disposizione, ma per avere inoltre la capacità di gestione degli stessi sul nostro territorio". Corazzari aggiunge che il Veneto ha scelto il Polesine per questo progetto sperimentale "per conformazione e collocazione geografica, essendo una terra tra due fiumi, dove è più semplice monitorare gli ingresse e le uscite. Un modello che vorremmo portare in tutte le Province della Regione. Sono orgoglioso in questo senso e ringrazio chi ha lavorato per la firma del protocollo, dai Comuni alla Provincia coinvolti, fino alle municipalizzate, come As2. E' un bell’esempio di lavoro di squadra di tutto il Polesine". Corazzari ha ricordato che del milione e 200mila euro stanziati per il progetto "190mila euro serviranno per l'avviamento e sono fondi dell'assessorato alla Sicurezza, la mia delega. Mentre il milione di euro deriva da una destinazione dell’assessorato alle Attività produttive del collega Roberto Marcato, erano i fondi destinati al Polesine. Per questo ringrazio Marcato che ha compreso come la sicurezza sia determinante per lo sviluppo del territorio".

Il prefetto ha quindi ricordato che il primo stralcio riguarderà i Comuni di Rovigo e Occhiobello, poi sarà esteso ad altri 16 Comuni e, infine, andrà a regime anche per i restanti. In questo senso Gaffeo ha voluto enfatizzare l'aspetto del coordinamento istituzionale tra enti. "Siamo orgogliosi di questo risultato frutto di risorse, progetti, partner e ricerca di aspetti amministrativi e legali da parte di tutte le parti coinvolte - le sue parole - ci crediamo molto e sono certo che verrà esteso rapidamente in tutto il resto della Provincia". La collega Coizzi ha sottolineato come "Polesine sicuro" sarà un progetto che potrà dare "forza economica e sociale al territorio. Dare consistenza alla sicurezza che è uno dei temi più scottanti, è decisivo. E la capacità di arrivare al controllo del territorio ci dà più tranquillità nel futuro".

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette