03/03/2021

CORONAVIRUS IN VENETO

La Commissione europea propone l'inserimento della zona "rosso scuro". Veneto a rischio

Per chi vuole viaggiare delle aree rosso scuro sarà richiesto il test prima della partenza e la quarantena dopo l'arrivo

Coronavirus, quarto morto in Veneto

VENETO - La Commissione europea raccomanda di aggiungere un colore in più nella classificazione delle zone a rischio: Oltre ai colori esistenti verde, arancione, rosso e grigio (in Italia bianco, giallo, arancione e rosso, ndr), la Commissione propone di aggiungere "rosso scuro" per indicare le aree in cui il virus circola a livelli molto elevati. Ciò si applicherebbe a un'area in cui il tasso di segnalazione di 14 giorni è superiore a 500 per 100 mila persone

In particolare sono tre le regioni, insieme alla Provincia autonoma di Bolzano, a rischio di essere mappate dall'Ue come zone rosso scuro (e quindi essere sottoposte all'obbligo di test e quarantena per poter viaggiare nell'Ue). Si tratta di Veneto, Emilia Romagna e Friuli Venezia-Giulia. E' quanto risulta dagli ultimi dati pubblicati dall'Ecdc relativi al numero cumulativo di casi ogni 100 mila abitanti negli ultimi 14 giorni. L'Ue ha deciso che quando questo valore supera i cinquecento viene indicata l'area come zona rosso scuro. Al 21 gennaio la provincia di Bolzano risultava con 696 casi cumulativi ogni 100 mila abitanti negli ultimi 14 giorni, il Veneto con 656, il Friuli 768 e l'Emilia Romagna 528.

La Commissione europea raccomanda di scoraggiare i viaggi non essenziali dalle aeree ad alto rischio Covid, quelle che saranno inserite nelle zone 'rosso scuro'. Per chi vuole viaggiare delle aree rosso scuro sarà richiesto il test prima della partenza e la quarantena dopo l'arrivo.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette