16/01/2021

CORONAVIRUS IN ITALIA

"Feste: limitati spostamenti internazionali e tra Regioni, nei più importanti giorni di festa anche tra Comuni"

Il ministro della Salute, Speranza: "Dobbiamo limitare al massimo i contatti tra le persone"

L'appello di Speranza: "Evitate spostamenti inutili. Dobbiamo abbassare la curva"

Il ministro della Salute, Speranza

ITALIA - Il ministro della Salute Speranza è comparso verso le 9 di mercoledì 2 novembre in Senato, per illustrare i contenuti del nuovo Dpcm "Di Natale", ricordando l'importanza delle misure anti contagio per contenere al servizio sanitario di reggere l'impatto della seconda ondata di contagio. "Dall'analisi dei dati - ha detto - emerge che l'insieme delle misure adottate dà i primi risultati, diminuisce l'incremento quotidiano dei contagi e l'indice Rt in quattro settimane è passato da 1,7 a 1,08".

"La situazione è molto seria - ha proseguito - e nessuna sottovalutazione è possibile, ma è evidente che le limitazioni stanno funzionando. A marzo fu l'Italia a indicare agli altri Paesi occidentali la strada per affrontare la pandemia, col lockdown. Ora stiamo gestendo la seconda ondata cercando di evitare un secondo lockdown generalizzato. Il modello che consiste diversificare il livello di rischio delle regioni e le misure di sicurezza dimostra che possiamo abbattere la curva evitando il lockdown e le conseguenze sociali ed economiche, un risultato non scontato".

"Servono altre settimane di sacrifici, per consolidare questi risultati, non pensiate di scampare un raggio di sole per uno scampato pericolo, l'onda del contagio resta alta, se abbassiamo la guardia, la terza ondata appare dietro l'angolo - il monito di Speranza - Non dobbiamo perdere la memoria, sappiamo bene ora come funziona il virus. In troppi hanno detto che il virus aveva perso forza e che si poteva smettere di seguire le regole, a partire dalle mascherine. I risultati sono sotto gli occhi di tutti, purtroppo".

Un attacco frontale, quindi, non solo ai negazionisti, ma anche ai medici che avevano parlato di un virus ormai "morto", per venire poi smentiti dai numeri, pesantissimi letti dal ministro in Senato, descrivendo la seconda ondata, tra l'altro ancora in pieno svolgimento.

Poi, sono stati forniti i tassi di occupazione dei reparti di area medica non critica  di terapia intensiva, passati rispettivamente dai 7% e 4% che caratterizzano un periodo normale agli attuali 50% e 38%.

Il concetto chiave di Speranza è stato che, in una società come la attuale, convivere col virus senza limitare gli spostamenti non è possibile, senza pagare un dazio pesantissimo, in termini di decessi e di impatto sul sistema ospedaliero.

Le scelte del Governo per il prossimo Dpcm sono due: mantenere il modello della classificazione delle Regioni, strutturate su tre livelli di rischio e di contagio; e rafforzare le limitazioni, anche nel quadro di un coordinamento europeo che l'Italia sta promuovendo. "Dobbiamo limitare al massimo i contatti tra le persone - ha detto Speranza - durante le feste vanno limitati spostamenti internazionali e tra le Regioni e, nei più importanti giorni di Festa, vanno limitati anche gli spostamenti tra i Comuni. Dovremo evitare assembramenti nei Comuni a vocazione turistica, con particolare attenzione agli impianti sciistici".

Claffidicazione delle Regioni per scenario e indice di rischio, con le tre zone - "che ha dato risultati soddisfacenti"- 

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette