06/12/2020

CORONAVIRUS IN POLESINE

"Non siamo un focolaio, tamponi solo per la prevenzione"

La comunicazione della scuola alle famiglie di Occhiobello. E i primi riscontri fanno ben sperare

OCCHIOBELLO - I primi riscontri della tornata di screening al plesso di via Amendola di Santa Maria, che coinvolge quattro classi delle elementari e tre delle medie inferiori, sono confortanti. Con tutte le cautele del caso e in attesa dei dati relativi alle procedure di ieri pomeriggio. “Al momento, tutti i tamponi su bimbi e ragazzi sono risultati negativi”, spiegava, infatti, nel pomeriggio di ieri, Raffaella Ferrari, responsabile Covid dell’istituto.

La massiccia campagna di screening era scattata dopo la positività di un docente che, per fortuna, non si trova in gravi condizioni. Il riscontro, però, seguito da quello relativo a un altro insegnante, ha fatto scattare immediatamente la quarantena, per studenti e docenti. Questo, a sua volta, ha portato l’istituto a scegliere la didattica a distanza.
Il numero di insegnanti confinati a casa, in attesa di tampone negativo e successiva “liberazione”, infatti, avrebbe reso impossibile organizzare l’attività didattica e “coprire” tutte le ore e tutte le classi in presenza.
“Vorrei tranquillizzare i genitori - ha proseguito Ferrari - Proprio perché non siamo in una emergenza che ci abbia portato a chiudere per un focolaio: era difficile coprire tutte le classi, con gli insegnanti disponibili, così abbiamo preferito la didattica a distanza”.

500 circa i tamponi che sono stati fatti, tra venerdì e ieri. Per quelli di ieri, si attende il responso. I precedenti, tutti negativi. Davvero un bel sospiro di sollievo per il plesso e anche per le famiglie. L’istituto, per quanto riguarda la didattica a distanza, a questo punto, evidentemente, divenuta una necessità, si è anche immediatamente mobilitato per aiutare le famiglie prive dei supporti tecnologici necessari. “Già domenica - spiega ancora la responsabile Covid del plesso - abbiamo distribuito tablet in comodato d’uso gratuito alle famiglie che ne avevano necessità”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette