29/11/2020

CORONAVIRUS IN VENETO

Cure anti-covid direttamente a casa: "Stiamo esplorando anche questa possibilità"

Le parole di Zaia, dato l'imminente passaggio alla fase 3 e il sempre maggior numero di ricoverati

Zaia: "Meglio la chiusura totale"

VENETO - "Sono 1526 nuovi positivi nelle ultime 24 ore. Pensate quanti sono i positivi che ci sono in giro ecco perché dovete mettere sempre la mascherina, gli attualmente positivi sono 19517. 18mila 770 persone in isolamento, quasi mille più di ieri. I ricoverati sono 749, 54 in più di ieri. 88 in terapia intensiva, 7 in più di ieri, e i decessi sono 12 nelle ultime 24 ore". Il presidente della Regione Luca Zaia illustra in diretta il bollettino del contagio della Regione.

"Il rapporto tra area non critica e area critica sono 9 a 1. Un rapporto basso di terapie intensive rispetto a marzo - continua - In veneto dunque ad oggi abbiamo una curva in ascesa in pneumologia, semi intensive, malattie infettive, i ricoveri in area non critica sono predominanti rispetto alle terapie intensive. Una situazione diversa rispetto ad altre comunità anche in Italia. A Belluno sono già in terza fascia, Treviso ci sta arrivando per i ricoveri in area non critica. Rovigo è tranquillamente in seconda fascia distante dalla terza. In tre quattro giorni dovremmo arrivare tutti in terza fascia. Già ieri abbiamo dato disposizioni ai direttori generali di cominciare a predisporre nuovi posti letto. Non possiamo tenere insieme covid e non covid. E' logico che un trapiantato o un operato di cardiochirurgia non può condividere corsie con pazienti infetti. Ecco perché gradualmente si andranno a chiudere gli ospedali per dedicarli solo al covid, senza intaccare gli Hub della Regione" (per il Polesine, resterà intoccato Rovigo).

"Ricordo a chi ancora non ha capito cos'è il covid, vorrei dire che i 700 pazienti che stiamo curando senza le nostre cure rischierebbero la vita. Noi ci stiamo preoccupando della cura dei cittadini. Adesso abbiamo messo in piedi una commissione con i massimi esperti per capire quale sia il miglior protocollo di cura per la cura domiciliare. Perché un paziente possa essere seguito a casa, ma il paziente si senta tranquillo e seguito. Credo sarà un ulteriore tassello".

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

Notizie più lette