04/03/2021

IL CASO

Mancata concessione delle palestre scolastiche da parte dei dirigenti

Alcune società sportive non hanno ancora potuto iniziare la loro attività

Palestre scolastiche chiuse: società sportive nel limbo

ROVIGO - Ancora “orfane” della palestra: alcune società affiliate a Fipav Rovigo non hanno ancora potuto iniziare l’attività sportiva a causa della mancata concessione dell’utilizzo delle palestre scolastiche da parte dei dirigenti, nonostante gli appelli della federazione nazionale al ministro Azzolina.

In Polesine, fuori dalle palestre restano ancora il Gs Tor Castelmassa, la Pallavolo Occhiobello e il Gs Fruvit di Santa Maria Maddalena, l’Asaf a Ceregnano, la Project Star Volley a Rosolina e Loreo, la Polisportiva Qui Sport a Baruchella e Castelguglielmo, la Polisportiva Grignano nella frazione rodigina, la Polisportiva Papozze e la Nuova Rovigo Volley e la Discobolo Rovigo per la palestra del Tintoretto di Rovigo.

Così, l’attività di preparazione ai campionati - previsti per novembre - non ha potuto prendere il via. Proprio per questo, la Fipav ha deciso di ritardare di un mese la ripresa delle attività sportive, proprio per permettere alle società di prepararsi adeguatamente dopo lo stop forzato dovuto all’emergenza. “Lo sport - le parole della presidente Fipav di Rovigo, Natascia Vianello - ha bisogno di ricominciare come tutte le altre attività, didattiche e commerciali. Le squadre hanno bisogno di allenarsi, i ragazzi hanno bisogno di tornare in campo e prepararsi per la nuova stagione sportiva. Ci sono delle specifiche linee guida per ogni disciplina sportiva, approvate dal Cts che garantiscono quanto più possibile ai nostri giovani lo svolgimento dell’attività sportiva in sicurezza. Era giusto nel mese di settembre focalizzare l’attenzione nella ripresa dell’anno scolastico, ecco perché è stato posticipato l’inizio dei campionati federali, ora l’attenzione deve andare allo sport per salvaguardare la crescita dei ragazzi e il patrimonio sociale gestito dagli imprenditori dello sport, migliaia di dirigenti sportivi preparati per tornare a dare un sano servizio sportivo controllato e rispettoso delle normative Covid-19”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette