18/09/2020

CORONAVIRUS IN POLESINE

Maleducazione e insistenza: rabbia per il comportamento dei parenti in ospedale

L'annuncio del direttore generale dell'Ulss: "È per la sicurezza dei vostri cari"

influenza.jpg

ROVIGO - "E' fondamentale che in un momento in cui la curva del contagi si sta alzando salvaguardare le persone e le strutture fragili", sono le parole del direttore generale Antonio Compostella che tira le orecchie ai parenti dei degenti in ospedale. 

"E' attivo l'ospedale covid di Trecenta dove ci sono ricoverati 4 pazienti in terapia intensiva (3 positivi di Porto Viro) e 17 pazienti in area medica covid. Sono quindi in tutto 21 pazienti ricoverati, 19 dei quali vengono dalla Casa di Cura di Porto Viro. Un appello: stiamo ricevendo tante lamentele e anche comportamenti di maleducazione e insistenza. Le visite non sono possibili perché sono persone con il coronavirus in isolamento. E le informazioni le diamo appena possiamo perché gli operatori sono impegnati a prendersi cura di queste persone. In generale anche nei reparti no covid facciamo tanta fatica a spiegare ai parenti come comportarsi. Lo facciamo per la sicurezza degli ospiti. Non si deve approfittarne appena l'operatore gira l'occhio. Lo dovete fare per la sicurezza dei vostri parenti". 

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette