24/09/2020

POLIZIA DI STATO

Movida e alcool ai minori: beccati dalla polizia

La Volante trova un gruppetto di adolescenti che erano appena stati serviti in un locale

48819

ROVIGO - Le segnalazioni non erano mancate e non si sono rivelate infondate. La Volante della questura di Rovigo, impegnata in una serie di controlli alla movida del centro, ha trovato un gruppetto di ragazzini, minori, tra i 16 e i 17 anni, che erano stati appena serviti, con bevande alcoliche, da un esercente di un bar. Che non avrebbe dovuto farlo. L’esercente è stato sanzionato.

Nello stesso locale, una settimana fa, la Volante era sempre intervenuta per una rissa tra ragazzi.

Il problema della somministrazione di alcool non appare facile da valutare: da un lato, infatti, la legge è chiarissima: niente alcolici ai minori. Dall’altra, i gestori fanno da sempre notare come la applicazione non sia sempre facile, soprattutto in quelle serate di particolare richiamo che portano in centro centinaia e centinaia di giovani. Non solo: distinguere un 13enne da un 18enne è una cosa, un 16enne o un 17enne da un 18enne può essere molto diverso. In ogni caso, la normativa è questa e, a maggior ragione se arrivano segnalazioni preoccupate, da genitori che vedono tornare a casa ragazzini minori in condizioni precarie, le forze dell’ordine non possono fare altro che prenderle in considerazione.

Un fronte di intervento, quello dei controlli alle serate, che, quindi, resterà estremamente attuale, non solo per il personale della polizia di Stato, ma anche per tutte le altre forze dell’ordine che collaborano per la sicurezza e il rispetto delle disposizioni di legge.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette