25/05/2020

Porto Viro

Addio a Nazario Secci, uno dei pionieri del Delta

Una vita fatta di lavoro, emigrazione, fino al ritorno a Porto Viro e ad Albarella

E' morto Nazario Secci, uno dei pionieri del Delta

PORTO VIRO - Porto Viro è in lutto per la morte di Nazario Secci, una vita di lavoro e un vero e proprio pioniere del Delta. Portovirese di adozione e padre di 5 figli, Sandro, Mariagrazia, Emanuele, Francesco, Fabio, originario di Seulo, un piccolo paese della Barbagia sarda, a 18 anni emigrò in Belgio per cominciare a lavorare in una miniera di carbone lo stesso giorno dell'incidente di Marcinelle. Dopo 4 anni trovò lavoro in Svizzera dove incontrò colei che sarebbe stata sua moglie per i successivi 60 anni, Taruna Tessarin, una giovane portovirere emigrata in quegli anni in cerca di un lavoro come tanti polesani. Dopo 5 anni si trasferì in fabbrica in Germania.

Nel '68 riuscì a tornare in Italia a Porto Viro, allora Contarina, ed iniziò a lavorare per la costruzione dei Fiordi, una parte di quella che in futuro sarebbe diventata l'Isola di Albarella.

A quei tempi vi si poteva accedere solo da Porto Caleri con un traghetto. Entrando in forte simpatia con il Credito Svizzero e parlando fluentemente tedesco e francese riuscì nel lontano '73 ad inserirsi in un'officina di riparazione cicli.

Nell'81 aprì un'officina in proprio che gestì fino al pensionamento avvenuto nel 2006. Tutt'ora l'officina è gestita con orgoglio dai figli Fabio e Franceso.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette

Un altro guarito si riammala
CORONAVIRUS IN POLESINE

Era guarito ma si riammala