06/03/2021

IL CASO A ROVIGO

"Offese conto i vigili: servono azioni forti contro chi li ha insultati"

Anvu scrive al sindaco di Rovigo per esprimere solidarietà alla polizia locale

"Offese conto i vigili: servono azioni forti contro chi li ha insultati"

ROVIGO - "Egregio Sindaco, abbiamo appreso dai social e dalla stampa locale, gli insulti, le minacce e le gravi offese che sono state rivolte alla Polizia locale di Rovigo". E' così che inizia la comunicazione che Anvu, Associazione professionale della Polizia locale d’Italia , nella persona del presidente regionale Albino Corradin, ha inviato al sindaco di Rovigo, al comandante della polizia locale di Rovigo, al Prefetto e al questore.

Il riferimento è alla campagna d'odio scoppiata sui social contro la polizia locale del capoluogo, non solo con offese, ma anche con esortazioni ad aggredire gli operanti, dopo una multa a un esercente per la violazione della normativa per il contenimento del coronavirus. Una delle quattro elevate, a fronte di 1836 controlli ad esercizi commerciali, nel periodo di emergenza.

"A nome di Anvu – prosegue la lettera, rivolgendosi al sindaco - che mi onoro di rappresentare quale presidente regionale, sono con la presente a esprimerle i nostri più forti sentimenti di rammarico e sdegno per quanto successo ed un chiaro sostegno di quanto da Lei dichiarato. Seppur in presenza di una emergenza sanitaria che ha imposto restrizioni per tutti i
cittadini, le imprese produttive e commerciali, che hanno portato anche a reazioni forti e in alcuni casi ad isteria collettiva, i fatti accertati non possono essere in nessuna maniera giustificati e tollerati. Le parole usate di una insensibilità disarmante, non possono che lasciare spazio ad azioni di risposta certa , sicura e forte".

"La Polizia locale di Rovigo ha risposto con prontezza operativa sorprendente, come la severità dell'attuale emergenza richiede, valevole sul fronte della tutela dell'ordine e della sicurezza pubblica, nonché attenta fin da subito a ogni esigenza, condotta senza tregua con attività di ricognizione, prevenzione e di controllo per contribuire in maniera determinante
alla tutela della salute e della incolumità della popolazione. Ciò posto, si richiede di perseguire con fermezza gli autori delle azioni delittuose e la costituzione da parte della amministrazione comunale di parte civile, nella eventuale azione penale che dalla attività di indagine dovesse emergere".

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette