02/06/2020

CORONAVIRUS IN ITALIA

Orario ridotto ma stessa paga: l'ipotesi per tornare a lavorare un po' meno, ma tutti

E' una delle misure allo studio per le imprese nel decreto maggio

conte

Il premier Giuseppe Conte

ITALIA - Lavorare un po' meno per continuare a lavorare tutto. E' l'ipotesi che spunta dalla bozza del decreto maggio che potrebbe permettere di tagliare l'orario di lavoro, convertendo ore di lavoro in formazione e puntando, ove possibile, sul digitale. Ma senza toccare la busta paga. 

Una nuova ipotesi che di sicuro piace ai sindacati, che il premier Giuseppe Conte ha chiamato a Palazzo Chigi proprio per illustrare i capisaldi del nuovo decreto, primo di una serie di incontri che si concluderà oggi pomeriggio con le imprese.

Il provvedimento potrebbe arrivare sul tavolo del Consiglio dei ministri giovedì, o al massimo venerdì.

Intanto iniziano a prendere una forma definitiva alcuni interventi, dalle risorse per la medicina territoriale e gli ospedali Covid, che dovrebbero salire a oltre 3 miliardi, al sussidio per le famiglie in più in difficoltà: la maggioranza sarebbe vicina a un’intesa sul reddito di emergenza come norma a tempo, di due-tre mensilità, e che potrebbe cambiare nome in "contributo di emergenza" per rendere ancora più chiaro che si tratta di una misura temporanea e non strutturale.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette