20/10/2020

CORONAVIRUS IN POLESINE

I controlli delle forze dell'ordine fermano l'esodo

I numerosi posti di blocco hanno funzionato: sabato e domenica diverse le sanzioni, ma meno del previsto

ROVIGO - Il gigantesco meccanismo di prevenzione e di controllo predisposto dalle forze dell'ordine per evitare l'esodo, a Pasqua, in conclusione ha funzionato: tra sabato e domenica sono arrivate decine di sanzioni amministrative, per persone che si sono spostate quando non avrebbero dovuto, alla luce della normativa d'emergenza per il coronavirus; numeri leggermente superiori al normale, ma non quella valanga che si temeva. Grazie all'impegno delle forze dell'ordine, che si erano organizzate per evitare la fuga verso le seconde case. Si vuole sperare, poi, che  abbia fatto la propria importante parte anche il senso civico delle persone che, nel pieno di una emergenza epocale, dovrebbero essersi rese conto di come non avesse senso non volere rinunciare alla gita.

Il personale dei carabinieri ha sanzionato in tutto, tra sabato e domenica, 56 persone, mentre quello della polizia di Stato, che ha operato in stretto raccordo con la polizia locale di Rovigo, in tutto 38 persone nell'arco dei due giorni.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

Notizie più lette