22/09/2020

L’INIZIATIVA

Mascherine per dire: a voi ci teniamo

Promuoviamo anche noi l'iniziativa della Voce di Rovigo che domani distribuirà gratuitamente cinque protezioni per ogni copia del quotidiano

Mascherine per dire: a voi ci teniamo

Ospitiamo l'editoriale del direttore de La Voce di Rovigo che spiega i motivi dell'iniziativa

di Pier Francesco Bellini*

Cari amici, non dico cari lettori ma amici perché in questo momento di difficoltà che tutti stiamo vivendo c’è davvero un grande bisogno di amicizia, di partecipazione, di vicinanza fra le persone. Domani mattina, con La Voce, riceverete in omaggio - senza alcun sovrapprezzo - una busta sigillata con all’interno cinque mascherine. Un piccolo omaggio (che replicheremo nelle giornate di domani e dopodomani) nella convinzione che proprio in questi momenti si debba fare il possibile per aiutare chi, in una comunità come la nostra, si trova in difficoltà; chi ha bisogno di protezioni e non riesce trovarle e pure chi, e nessuno si vergogni, non si può permettere di acquistare il poco che si trova in vendita. Quando si è presentata l’occasione di regalare le mascherine non ci abbiamo pensato un attimo, perché oggi è una protezione che, al di là delle polemiche sanitarie (che hanno pure un po’ stancato), servono veramente. Servono per se stessi, e servono per preservare gli altri. Che in questo momento è la cosa più importante: preservarsi in salute. E quando una cosa è indispensabile e non si trova, chi ha la possibilità di farlo deve dare una mano. Per il nostro gruppo editoriale, del quale fa parte anche Rovigoindiretta, è stato un impegno e uno sforzo di non poco conto.

Sono tante, 50mila mascherine che in tre giorni distribuiremo ai polesani, alla nostra gente. E lo faremo davvero con il cuore, perché - e non è una frase fatta - alla nostra gente ci teniamo. Ci teniamo davvero perché fa parte del nostro essere La Voce di una comunità. Tutto qui, molto semplicemente: lo abbiamo fatto per dare una mano alle persone, alla comunità polesana, e anche alle istituzioni che ci stanno mettendo un grande impegno per raggiungere tutti.

Lo so bene e l’abbiamo messo nel conto: domani qualcuno non sarà contento. Qualcuno magari criticherà per un qualsiasi motivo. Fa parte delle cose e dell’animo umano. Tanto più in un momento come questo, in cui l’isolamento inizia a farsi sentire in maniera pesante; in cui ci mancano gli amici, gli affetti, la quotidianità dei gesti. Un momento però in cui ogni gesto assume un significato particolare. Noi volevamo dire a voi, a tutti polesani: #noicisiamo. Ci siamo nei momenti felici, quando ci sono da raccontare le cose belle. E ci siamo anche adesso. Siamo al nostro posto. Facciamo un giornale cercando di fornire buona informazione. Lo facciamo perché è il nostro lavoro, certo. Ma anche perché ci sono momenti in cui esserci assume un valore più alto, vuole dire non lasciare solo chi ci segue tutti i giorni; chi ci stimola; chi ci critica... Tutti, insomma.

Un grazie particolare lo devo agli edicolanti. Perché oggi sono stati al nostro fianco in questa operazione e vi hanno distribuito le mascherine (lo ricordiamo, una busta con cinque mascherine per ogni copia del quotidiano), ma anche per quello che rappresentano tutti i giorni, da mattina a sera: un raggio di luce, un presidio civico in una città quasi deserta. E’ come se rappresentassero tutti quelli che non possono alzare le serrande, che devono stare in casa. La loro presenza, così come quella dei giornali, sta a dirvi: vi aspettiamo tutti, perché presto torneremo nelle strade e nelle piazze. Ne verremo fuori, e saremo tutti un po’ diversi ma anche un po’ più forti. E intanto, cari amici, badate a voi stessi e a chi vi sta a cuore.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

Notizie più lette