29/05/2020

CORONAVIRUS IN POLESINE

Il Polesine risponde presente alla chiamata d'aiuto della Lombardia

L'area Covid di Trecenta ospita in terapia intensiva un paziente bergamasco e uno di Sermide

Dottoressa aggredita nell'ospedale di Trecenta

TRECENTA - Il Polesine risponde alla richiesta di aiuto della Lombardia ospitando due pazienti lombardi nel suo Covid centre, ovvero l'ospedale di Trecenta. Ad annunciarlo il direttore generale dell'Ulss 5 Polesana, Antonio Compostella durante l'illustrazione dell'odierno bollettino del contagio

"Per quanto riguarda i ricoverati con il coronavirus nei nostri ospedali sono 1 in malattie infettive, 28 in area Covid a Trecenta e 11 in terapia intensiva a Trecenta. Era stata dimessa ieri una persona dalla Terapia intensiva ma nella notte è arrivato un secondo paziente lombardo, bergamasco per la precisione. Abbiamo già ospitato nei giorni scorsi, sempre nella nostra terapia intensiva, un paziente lombardo, di Sermide. Ci ha contattato la protezione civile ed è stato indirizzato presso l'ospedale di Trecenta. Abbiamo risposto subito positivamente. Noi, per il momento, siamo fortunati e finché possiamo aiutiamo volentieri gli amici della Lombardia in difficoltà", ha detto il direttore generale Compostella.

"Attualmente in veneto stiamo ospitando 12 pazienti lombardi - ha detto il presidente della Regione, Luca Zaia - sei hanno il coronavirus, sei no. Se si libera qualcosa siamo siamo solidali nei confronti della Lombardia".

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette