27/10/2020

CORONAVIRUS

Saranno requisiti gli hotel per ospitare gli isolati. Via libera alle mascherine made in Veneto

Ecco il contenuto della relazione illustrativa al decreto legge che il Consiglio dei ministri discuterà nelle prossime ore

280mila mascherine per fronteggiare il virus

Sarà discusso nelle prossime ore in consiglio dei ministri un nuovo decreto per far fronte all'emergenza coronavirus. Nella Relazione illustrativa sono già chiari alcuni degli interventi più significativi messi in campo dal Governo con questo nuovo decreto. Nello specifico si parla di aumentare lo stipendio al personale sanitario che sta lavorando incessantemente contro il virus, di una collaborazione "obbligata" dei privati, degli incentivi alla produzione di mascherine anche senza il marchio Ce, come quelle in produzione in veneto, e, addirittura, della possibilità per i prefetti locali di requisire alberghi da utilizzare per l'isolamento dei Covid-19.

Ecco i punti salienti del decreto in discussione. 

PERSONALE OSPEDALIERO. I dipendenti del Servizio Sanitario nazionale otterranno un pagamento maggiorato per le ore di straordinario, se sono impegnati nel contrasto all'epidemia di coronavirus.

AUMENTO POSTI LETTO E COLLABORAZIONE DEI PRIVATI. Il governo ha richiesto alle regioni e alle province autonome di Trento e Bolzano di aumentare, a livello regionale, "del 50% il numero dei posti letto in terapia intensiva e del 100% il numero dei posti letto nelle unità operative di pneumologia e di malattie infettive". Alla luce della straordinaria emergenza che vive il Nord Italia, le strutture private non potranno rifiutarsi di collaborare e dovranno mettere a disposizione - oltre alle loro strutture e ai macchinari - anche il personale. In cambio riceveranno una "indennità di requisizione". 

MASCHERINE. Il ministero dell'Economia potrà utilizzare una sua società (Invitalia) per "finanziamenti a fondo perduto, contributi in conto gestione, finanziamenti agevolati. Ne beneficeranno "le imprese che producono dispositivi di protezione individuale e medicali". Gli incentivi "potranno essere erogati anche alle aziende che forniscono mascherine chirurgiche, mascherine prive del marchio CE, previa valutazione da parte dell’Istituto superiore di sanità". Come quelle in produzione in Veneto. Se passa il decreto il Veneto potrà cominciare a distribuire le mascherine "fatte in casa" ai suoi cittadini.

ALBERGHI REQUISITI. La Protezione civile potrà requisire "presidi sanitari e medico-chirurgici, da soggetti pubblici e privati". Potrà requisire - d'intesa con le Prefetture - "strutture alberghiere, oppure altri immobili aventi analoghe caratteristiche di idoneità, per ospitarvi le persone in sorveglianza sanitaria e isolamento fiduciario o in permanenza domiciliare" 

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette