07/07/2020

IL CASO

Preso a badilate dalla suocera perché fuma

Il vizio del fumo costa caro a una pensionata finita a processo per violenza nei confronti del genero

Preso a badilate dalla suocera perché fuma

VICENZA - Picchia il genero col badile perché fuma: suocera a processo. Lo scrive Il giornale di Vicenza. Una pensionata vicentina è finita a processo e dovrà difendersi dall’accusa di lesioni aggravate poiché in due occasioni avrebbe aggredito e ferito il giovane marito di sua figlia, un operaio di 31 anni, che abitava sotto casa sua. Tra i due non era mai corso buon sangue, ma sembra che a scatenare l'ira della donna sia stato il fumo: non aveva mai accettato che il genero fumasse e le due liti violente sarebbero scoppiate per quello, e degenerate fino a quando lui non l’ha denunciata e si è trasferito altrove con la moglie.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette