31/03/2020

ROVIGO

Tassista sospeso per una settimana, ha bevuto in servizio

La polizia lo avrebbe visto uscire da un bar dopo aver consumato bevande alcoliche

Zuffe e insulti, taxi nell’anarchia

ROVIGO - Il Comune di Rovigo ha deciso di sospendergli la licenza da tassista per una settimana, a seguito della violazione che gli era stata contestata, nelle settimane scorse, da parte del personale della polizia locale, impegnato in una delle varie attività di controllo che quotidianamente svolge, a tutela della sicurezza pubblica, in particolare di quella degli utenti della strada.

In particolare, in quella circostanza il personale in servizio avrebbe notato un tassista che era appena uscito da un bar, doveva aveva consumato bevande alcoliche. Ora, è importante chiarire come non vi sia stata alcuna contestazione relativa allo stato di ubriachezza del professionista. Allo stesso modo, nessun rilievo penale per la vicenda. Trattandosi, però, di un guidatore professionale, per il quale è prevista la sobrietà assoluta, quando si trova in servizio, è scattata la sanzione amministrativa.

A questa, inoltre, si è però aggiunta una conseguenza, sempre di tipo amministrativo, relativa al fatto che, comportandosi in questa maniera, avrebbe violato, secondo la ricostruzione, perlomeno, del Comune di Rovigo che ha proceduto a questo secondo passaggio, il regolamento che disciplina gli autoservizi pubblici non di linea, come sono appunto i taxi e i noleggi con conducente. Sulla base di questa contestazione, il dirigente competente ha deciso di fare scattare una sospensione della licenza per sette giorni, a partire dal prossimo 1° febbraio. Terminato questo periodo, il tassista potrà riprendere la propria attività.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

Notizie più lette

Clamoroso: scoperta una pizzeria aperta. Arriva la denuncia
CORONAVIRUS IN POLESINE

Pizzeria aperta nonostante i divieti