28/09/2020

ARQUA’ POLESINE

La forza del Po gli ha portato via tutto ma loro vogliono ricominciare

La storia dei titolari del ristorante Vento di Supa

"La piena del Po ci ha portato via tutto: ora ripartiamo"

ARQUA' POLESINE - "La piena del Po si è portata via i risparmi di una vita. Ripartiamo da qui". La famiglia di gestori del Vento di Supa, il noto locale situato nella golena di fronte a Polesella e devastato dalla piena del Po del 30 novembre scorso, ha trasferito l’attività nella storica locanda Valmolin, sulle rive del Canalbianco, ad Arquà Polesine."Alla rimozione delle barriere di protezione - racconta Michele - lo spettacolo è stato agghiacciante".

Un addio forzato dalla destra Po (ex Comune di Ro), luogo suggestivo conosciuto anche per la presenza di una riproduzione di uno dei mulini storici del grande fiume. L’impietosa forza del Po ha cancellato senza pietà gli sforzi compiuti in tre anni da Michele e Federica, artefici di numerose migliorie che hanno reso il luogo meta ideale per gli amanti del cibo di qualità, della natura, dell’arte e del relax, inoltre stazione di sosta della famosa Ven-To (pista ciclabile che unisce Torino e Venezia).

Un ristorante divenuto in poco tempo fiore all'occhiello per le proposte culinarie raffinate, originali e di qualità, senza dimenticare l'accoglienza calorosa. Michele è uno chef con alle spalle numerosi riconoscimenti, Federica è una professionista del settore. I titolari non potevano fermare un’attività che permette non solo a loro di mantenere la famiglia.

"Abbiamo fatto i salti mortali per riaprire al più presto ad Arquà - prosegue Michele - alcune sculture ed oggetti significativi della nostra identità siamo riusciti a portarli qui". Il mega pesce siluro troneggia nella sala principale. Una ripartenza nel Polesine che ha accolto lo staff del Supa e che, nonostante il trauma dell'alluvione, con grande forza d’animo e positività ricomincia rimboccandosi le maniche e con il sorriso sulle labbra, certi del sostegno di tutti. "A breve l'inaugurazione ufficiale - conclude - ma già da ora le porte sono aperte. Quando entreremo a regime, si spera nel giro di un mese, svilupperemo attività di laboratorio e cercheremo personale da assumere".

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette