25/09/2020

CAPODANNO

Un concerto di benvenuto per l'anno nuovo... e non solo

L’orchestra sinfonica del conservatorio Buzzolla celebrerà il 2020 ma anche i 250 anni della nascita di Beethoven

Un concerto di benvenuto per l'anno nuovo... e non solo

ADRIA - Tutto pronto per il concerto di Capodanno che vedrà protagonista l’orchestra sinfonica del conservatorio Buzzolla diretta dal maestro Ambrogio De Palma. Appuntamento per mercoledì 1° gennaio alle 18 al teatro Comunale. L’evento è già sold out, eventuali accessi saranno consentiti in caso di assenze e rinunce.

“Mai come quest'anno – si legge in una nota del Buzzolla - la richiesta dei biglietti ha segnato il tutto esaurito in pochissime ore. Il programma sarà interamente dedicato al bel canto e realizzato in collaborazione con le scuole di canto di Roberto Scaltriti e Umberto Chiummo”.

Ed eccola presentazione da parte del maestro. “Per questa edizione - spiega De Palma - abbiamo pensato al mondo della lirica, in particolare ad alcuni compositori che hanno reso famoso il teatro musicale italiano in tutti i continenti. Dodici voci, accompagnate da una splendida orchestra, si alterneranno sul palco per dare vita ad alcune tra le più belle pagine del repertorio belcantistico. Da anni, la lirica italiana è in sofferenza per le più svariate cause e, a queto proposito, inizieremo il concerto con la sinfonia dall'opera ‘Il pirata’ di Vincenzo Bellini con un abbraccio solidale all'omonimo teatro catanese che rischia di chiudere i battenti”.

Alla sinfonia belliniana, seguiranno alcune pagine da “L'elisir d'amore” di Gaetano Donizetti, il celebre “Intermezzo sinfonico” della “Cavalleria rusticana” precederà il duetto “Un dì felice, eterea” tratto da “La traviata” di Giuseppe Verdi. Non è Capodanno senza le note della famiglia Strauss allora De Palma e la sua orchestra chiuderanno la prima parte con l' “Ouverture” dall'operetta “Il pipistrello”. La seconda parte prevede brani dal “Don Giovanni” mozartiano, da “La traviata” e dal “Rigoletto” di Giuseppe Verdi, il celebre duetto “Tace il labbro” tratto dall'operetta “La vedova allegra” di Franz Lehàr, e un'aria da “Il pipistrello”.

Il programma ufficiale si concluderà con la sinfonia da “La forza del destino”.

Non mancheranno fuori programma e bis. “In qualche modo saremo tra i primi a celebrare il duecentocinquantesimo anniversario dalla nascita di Ludwig van Beethoven - precisa De Palma - ma non voglio rovinare la sorpresa, posso solo dire che indosserà una veste musicale un po' più vicina al nostro tempo”.

L'orchestra sinfonica Antonio Buzzolla, al suo quarto anno sotto la direzione di Palma, è una realtà consolidata del territorio bassopolesano. Composta prevalentemente dagli studenti del conservatorio, si avvale del supporto di alcuni docenti che vi collaborano stabilmente.

La formazione spazia dall'orchestra d'archi fino alla grande orchestra sinfonica con un repertorio che va dal classicismo alle musiche del novecento, da Mozart fino ai nostri giorni. Nel 2017 ha partecipato ad una manifestazione legata all'Unesco e nell'estate scorsa a un festival internazionale.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette