25/05/2020

BAGNOLO DI PO

Dopo 48 ore di lotta, spento il gigantesco rogo

Nel pieno dell'emergenza, era stato necessario anche allontanare sette persone da casa

Sono finalmente terminate le operazioni, prima di spegnimento, quindi di monitoraggio della situazione, dell’incendio divampato verso la mezzanotte della notte tra sabato e domenica a Bagnolo di Po, in un capannone dove erano stivate varie rotoballe di erba medica. Una situazione assolutamente non facile da gestire, per i vigili del fuoco, che hanno risposto all’emergenza con una attivazione immediata.

Il primo passo è stato quello di contenere l’incendio, che rischiava di diventare incontrollabile, alla luce della natura del materiale che stava bruciando, estremamente combustibile. Poi, si è passati allo spegnimento e allo smassamento, infine al monitoraggio costante, per evitare che potessero accendersi nuovi focolai. Una fase che è proseguita sino alla serata di ieri, quando, finalmente, l’intervento si è potuto dire concluso.

Nel pieno dell’emergenza, nella serata di domenica, erano anche state evacuate, con ordinanza sindacale, due abitazioni vicine al capannone, per timore che l’incendio potesse disperdere nell’ambiente fibre di eternit della copertura del capannone. Sette in tutto le persone che avevano dovuto, momentaneamente, abbandonare la propria abitazione. Ora, finalmente, tutto appare definitivamente risolto, grazie allo strenuo lavoro dei vigili del fuoco, ininterrottamente presenti sul posto.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette

Un altro guarito si riammala
CORONAVIRUS IN POLESINE

Era guarito ma si riammala