23/09/2020

ADRIA

Scelto la nuova rappresentante delle famiglie, il sindaco "È la più adatta"

Barbierato: "Graziella Braghin è stata scelta tra la rosa proposta dai familiari per il Csa"

"Un rappresentante dei familiari competente"

La casa di riposo di Adria

ADRIA - "Il sindaco Barbierato nomina Graziella Braghin come rappresentante dei famigliari per le sue competenze di operatrice socio-sanitaria. Scopo dell’assemblea, convocata alla casa delle associazioni venerdì pomeriggio dal sindaco con i famigliari degli ospiti della casa di riposo, era quello di raccogliere le indicazioni sulla rosa dei papabili per nominare il  componente del nuovo consiglio di amministrazione del Centro Servizi Anziani(CSA). Tra i candidati proposti dall’assemblea, i presenti hanno poi espresso il loro voto consultivo di  preferenza sul futuro componente del Csa", comincia così il comunicato di Impegno per il bene comune.

"La decisione della nomina del rappresentante dei famigliari è stata vagliata per evitare che nel prossimo cda del Centro Servizi Anziani, che sarà operativo dal 19 gennaio prossimo, la tavola rotonda non dovrà trasformarsi in un secondo consiglio comunale, dove vengono rappresentate le varie forze politiche, ma dovrà essere un organismo operativo e compatto  in grado di  affrontare le sfide enormi – afferma il sindaco Barbierato - La prima criticità del Csa sarà quella di risolvere a tappe forzate l’ottenimento del CPI, la Certificazione  Prevenzione Incendi, prevista dalla normativa vigente e necessaria per la messa in sicurezza dell’edificio, riallacciare i rapporti tra lavoratori e famigliari. Altro punto di notevole importanza sarà il fatto che nel momento in cui si utilizzerà il fondo di rotazione messo a disposizione dalla regione Veneto per i lavori, circa un milione e mezzo,  dovrà prevedere  una pianificazione decennale per  la restituzione dei soldi e nel contempo programmare il mantenimento dei servizi agli utenti. Altro fattore importante sarà la necessità di ricucire le relazioni umane con i lavoratori, famigliari e gli ospiti, attraverso le modifiche al regolamento a favore del comitato famigliari nel quale verranno  definiti gli spazi che potranno essere utilizzati, per assemblee e ricevimenti dentro alla struttura di riviera Sant’Andrea. Oltre alla necessità di condividere le scelte lavorative in funzione dei feedback delle famiglie. La riforma delle Ipab, e la mancanza delle impegnative, saranno altre problematiche che l’amministrazione comunale  dovrà affrontare politicamente, perché rappresentano le criticità  che, ad oggi,  mettono in ginocchio  tutte le strutture pubbliche
All’assemblea di venerdì, solo 18  delle 200 famiglie interessate hanno espresso la loro preferenza. Una esigua presenza dovuta all’ostruzionismo fatto dall’attuale Cda, nell’impedire il volantinaggio informativo per la riunione.  Nell’occasione, il primo cittadino ha chiesto all’uscente Sabrina Visentini, se voleva ricandidarsi per  il rinnovo della carica. Al termine dell’elezione  consultiva, espressa attraverso i voti dei presenti - ribadisce il primo cittadino - sono stati segnalati con 15 voti Claudio Rossi e con 3 voti Graziella Braghin". 

"Il nuovo consiglio di amministrazione sarà composto da persone con competenze amministrative contabili - rende noto il sindaco Barbierato - Simone Mori, Mauro Colombo e Daniela Pasquali. Il quarto componente nominato dal sindaco sulla rosa dei candidati eletti con voto consultivo nell’assemblea di venerdì pomeriggio è Graziella Braghin per le sue competenze di operatrice  socio sanitaria e per un equilibrio di genere. Mentre per l’aspetto politico, la minoranza potrà nominare una persona di loro fiducia come quinto componente dell’organismo che gestirà la casa di riposo di Adria".

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette