29/01/2022

CALCIO SERIE D

L'Adriese trionfa, Delta sconfitto: entrambe con il punteggio di 3 a 1

Adriese padrone del match fuori casa espugna il campo della Luparese. Niente da fare invece per il Delta Porto Tolle che cede in casa contro il Mestre

L'Adriese trionfa, Delta sconfitto: entrambe con il punteggio di 3 a 1

03/11/2019 - 15:45

ADRIA E PORTO TOLLE - Adriese padrone del match fuori casa espugna il campo della Luparese per 3 - 1. Niente da fare invece per il Delta Porto Tolle che ha ceduto in casa per 1 a 3 contro il Mestre. Domenica, insomma, a due facce per le squadre polesane che militano nel campionato di Serie D. Sul fronte Adriese, la formazione granata torna alla vittoria espugnando il “Casee” grazie alla tripletta di Aliù. Grande successo dei granata che si rifanno immediatamente della sconfitta subita per mano del Belluno nel turno infrasettimanale. Andando con la cronaca del match, all’8’ sventola dai 25 metri di Scapin e ottima risposta in corner di Cabras. I Lupi insistono e vanno ancora vicini al vantaggio con un mancino dal limite di Gashi, largo di poco. Al primo vero affondo, però, passa l’Adriese: Lauria sfonda sulla destra, pallone al centro per Aliù che batte facilmente Burigana al 14’. I locali accusano il colpo e Pedrelli si becca due gialli nel giro di pochi minuti e viene espulso, lasciando quindi i suoi in inferiorità numerica al 20’. Passano 120” i granata radoppiano. E’ ancora con il sigillo di Aliù che si dimostra implacabile, stavolta con un colpo di testa che bacia il palo prima di insaccarsi dopo un corner di Lauria. Al 35’ arriva un’occasione per i patavini. Beccaro viene atterrato in area da Boscolo e per l’arbitro è rigore, dal dischetto va Pittarello che trasforma di potenza. L’inerzia della gara cambia, i Lupi prendono coraggio e schiacciano i granata nella loro metà campo. Dall’altra parte l’Adriese è pericolosissima in due occasioni, entrambe le volte però Burigana cancella Lauria e Aliù con due interventi prodigiosi. La Luparense nella ripresa deve provare il tutto per tutto, rischia però di soccombere nuovamente sul destro a botta sicura dello scatenato Aliù, ma Burigana disinnesca ancora la minaccia. L’appuntamento con il tris è tuttavia solo rimandato, perché lo stesso numero 9 è letale sottoporta e fa sprofondare i sanmartinari con la sua tripletta personale al 6’ della seconda frazione di gioco. Da questo momento lo sviluppo del gioco dei padroni di casa è confuso, mentre l’Adriese gioca con disinvoltura. I locali provano a sfruttare la fisicità del neo entrato Mammetti e i lanci di Zane. La chance per chiudere i giochi ce l’ha però la formazione guidata in panchina dal tecnico Luca Tiozzo. Lauria si invola da solo per 50 metri, arriva davanti a Burigana che lo ipnotizza con un’uscita che salva il salvabile. Sul ribaltamento di fronte Mammetti si libera bene in area e trova un prodigioso riflesso di Cabras ad evitare il 2-3. Al 33’ Pittarello si guadagnerebbe un altro rigore, ma inspiegabilmente l’arbitro lo ammonisce per simulazione. La squadra di Cunico non ne ha davvero più, tenta con le residue forze di accorciare il risultato per il forcing finale ma gli ospiti in maglia granata difendono con ordine senza particolari affanni. Ovviamente diverse le sensazioni in casa biancazzurra. Il Delta Porto Tolle cade nuovamente le mura amiche dello stadio “Umberto Cavallari” di Porto Tolle. I biancazzurri di mister Matteo Barella hanno subìto la seconda sconfitta consecutiva dalla formazione del Mestre per 1-3. Pronti, via e al primo affondo Delta Porto Tolle in vantaggio: Pasi lavora un gran pallone sulla trequarti campo e serve in profondità Sarr, il quale arriva sul fondo e mette al centro per il ben appostato Rosso che realizza l’1-0 al 3’. Al 14’ Delta ancora in avanti con due angoli in rapida successione, ma gli ospiti si difendono bene e liberano l’area di rigore. Il primo sussulto mestrino arriva a metà frazione con una bella conclusione dai 20 metri di Poletto, il quale trova Bala bravo a sventare l’occasione con un doppio intervento. Il Mestre cresce in avanti e in alcune occasioni crea verticalizzazioni filtranti con Bigoni, ma allo stesso tempo si dimostra una squadra di spessore e ruvida negli interventi a metà campo. Al 33’ nuova occasione per il Delta Porto Tolle con Pasi che apparecchia per Episcopo il quale calcia addosso alla difesa. Il pareggio del Mestre arriva allo scadere della prima frazione di gioco: azione manovrata sulla sinistra da Bigoni che scarica per Poletto che dal limite dell’area batte all’angolino basso il portiere deltino. Termina 1-1 la prima frazione di gioco. Nella ripresa, gli uomini di Barella sembrano ancora più propositivi e cercano di segnare, ma la difesa mestrina riesce a contenere l’offensiva dei biancazzurri. Al 2’ è bravo Episcopo a servire a memoria in profondità Pasi, anticipato da Rosteghin in uscita alta. A quel punto il Mestre fa la voce grossa e mette alle corde il Delta Porto Tolle inserendo anche Fabiano, giocatore con passato in serie B ma la difesa deltina in qualche modo contiene le avanzate avversarie. Al 23’ palo colpito da parte di Rivi da posizione ravvicinata su traversone dalla sinistra. Al 30’ il Mestre trova il raddoppio meritato con De Polo che, dalla lunga distanza, supera Bala con una bellissima conclusione di sinistro. Passano i minuti e le squadre appaiono stanche visto il terreno di gioco reso pesante dalle abbondanti piogge. Ancora un’occasione per gli ospiti al 35’ con Fabiano che porta a spasso la difesa deltina e serve il ben appostato Rivi che però viene ipnotizzato da Bala. In pieno recupero il Mestre trova anche la terza realizzazione con Dall’Andrea. Al triplice fischio, dopo i 5 minuti di recupero concessi dal direttore di gara, esultano i giocatori mestrini davanti ai propri sostenitori giunti a Porto Tolle in buon numero, la squadra di Barella rimane a quota 13 punti in classifica nella zona play out.  

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:



Notizie più lette