22/05/2022

CONSERVATORIO VENEZZE

Ecco i talenti rodigini

Domenica 27 si è tenuta la prova finale per il premio “Adriatic LNG dà il LA ai Giovani Musicisti Veneti”

Ecco i talenti rodigini

30/10/2019 - 08:00

ROVIGO – Si sono tenute domenica 27 ottobre presso il Salone dei Concerti del Conservatorio Francesco Venezze di Rovigo le prove finali del Premio “Adriatic LNG dà il LA ai Giovani Musicisti Veneti”, organizzato dal Conservatorio rodigino insieme ad Adriatic LNG, la società che gestisce il terminale di rigassificazione al largo della costa veneta, con il patrocinio del Comune di Rovigo. Giunto alla sua quarta edizione, quest’anno il concorso ha voluto anticipare due importanti ricorrenze: i 250 anni dalla scomparsa del compositore veneto Giuseppe Tartini e i 250 anni dalla nascita di Ludwig van Beethoven.  I 37 partecipanti, selezionati tra i migliori studenti dei sette Conservatori del Veneto, hanno quindi presentato repertori che hanno celebrato la produzione musicale dei due famosi compositori e di altri grandi artisti a loro contemporanei, spaziando dal Barocco al primo Ottocento. Gli studenti si sono esibiti, divisi in tre categorie concorsuali: 17 sono stati i musicisti, tra solisti e formazioni, che hanno partecipato nella categoria A “prassi esecutive e repertori barocchi”; 17 i ragazzi che hanno preso parte alla categoria B “musica da camera vocale e strumentale composta tra il 1770 e il 1827”; infine 3 i compositori che si sono cimentati nella categoria C “Gesangvoll”, reinterpretando il movimento finale della Sonata Op. 109 di Beethoven. Le prove si sono svolte davanti alla commissione esaminatrice formata dal pianista Fernando Scafati, attuale Direttore del Conservatorio di Ferrara, dal liutista Diego Cantalupi, docente al Conservatorio di Bari e dal compositore Mauro Cardi, docente al Conservatorio de L’Aquila. Per la categoria A, sezione “solisti con strumenti antichi”, il Primo Premio è stato assegnato a Federico Zaltron (flauto dolce) del Conservatorio di Vicenza; Alvise Zanella (liuto) del Conservatorio di Vicenza si è aggiudicato il Secondo Premio. Segnalazioni di merito sono state assegnate a Nicola Benetti (clavicembalo) del Conservatorio di Verona e a Elisa Spremulli (violino) del Conservatorio di Rovigo, che ha inoltre ottenuto il premio per la migliore esecuzione di composizioni di Giuseppe Tartini. Per la categoria A sezione “musica di insieme con strumenti antichi” il Primo Premio è stato assegnato a Ensemble Barocco Steffani, coordinato dal Conservatorio di Castelfranco Veneto, formato da Elena Borsato (flauto traversiere), Arianna Brandalise e Eleonora Zanne (violini), Rolando Moro (violoncello), Francesco Maria Cataldo (violone) e Luca Marcadella (clavicembalo); il Secondo Premio è andato invece a Ensemble Eco Barocco del Conservatorio di Verona, formato da Rebecca Bottari (soprano), Jessica Dalsant (flauto traversiere), Matylda Adamus (violoncello) e Nicola Benetti (clavicembalo). Per la categoria B,musica da camera vocale e strumentale composta tra il 1770 e il 1827”, il Primo Premio è stato assegnato al Quartetto del Giglio del Conservatorio di Venezia, formato da Lara Celeghin e Anna Piani (violini), Doriana Calcagno (viola) e Pietro Silvestri (violoncello); il Secondo Premio è andato invece al Duo del Conservatorio di Vicenza composto da Andrea Bet (violino) e Lucia Piccoli (pianoforte). Segnalazioni di merito sono state assegnate al Duo di Serena Zucco (violino) e Riccardo Atanasio (pianoforte) del Conservatorio di Vicenza e al Trio formato da Francesca Pernigo (clarinetto), Giacomo Sfetez (fagotto) e Ottavia Valentina Pastore (pianoforte) del Conservatorio di Verona. A questa ultima formazione è stato inoltre conferito il premio speciale per la migliore esecuzione di una composizione di Beethoven. Per la categoria C, dedicata ai compositori, sono stati ammessi alla fase finale di esecuzione gli studenti Dario Michelon e Giovanni Zaniol del Conservatorio di Rovigo. “Ci congratuliamo con i vincitori di questa edizione, a cui auguriamo un futuro di soddisfazioni e successo – commenta Alfredo Balena delle Relazioni Esterne di Adriatic LNG -. Ringraziamo i Conservatori del Veneto, che ogni anno preparano studenti di grande valore e in particolare il Conservatorio Venezze di Rovigo, a cui va il merito di aver ideato un progetto, che dal 2016 premia con un supporto concreto la passione e il talento dei nostri giovani musicisti”. “Si è trattato di una edizione ricchissima di musica affascinante ma anche difficile da rendere ed ha stupito in positivo il livello molto elevato di maturità musicale, oltre alle solide competenze tecniche individali, di tutti i concorrenti molti dei quali giovanissimi - ha osservato il Direttore del Conservatorio di Rovigo Giuseppe Fagnocchi -. Notevole anche il grado di affiatamento delle formazioni da camera, davvero indice di prestazioni oramai già proiettate nelle sfere professionali”. La consegna dei premi messi a disposizione da Adriatic LNG avrà luogo in occasione del concerto finale, previsto a dicembre in una prestigiosa sede del Veneto.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0