18/01/2022

CPIA ROVIGO

"Alimentazione biologica, fai bene a te e alla natura"

Un successo l'incontro del Centro per l'Istruzione per Adulti sul tema dell'alimentazione biologica

"Alimentazione biologica, fai bene a te e alla natura"

15/10/2019 - 14:54

ROVIGO -  Il secondo appuntamento della rassegna “I Venerdì Culturali del CPIA di Rovigo”, dal titolo “l’Alimentazione Biologica - fa bene a te, fa bene alla natura”, tenutosi venerdì 11 ottobre presso il Centro Provinciale per l’Istruzione degli Adulti di Rovigo, ha suscitato molto interesse nel pubblico presente in sala. Il professore e agronomo Gianfranco Rezzadore, in un percorso che è iniziato dalla lettura di dati comprovanti la crescita di superfici biologiche in Italia e dei soggetti coinvolti nel settore, si è soffermato a spiegare e dimostrare come la produzione biologica, con l’impiego di concimi organici e il divieto di impiegare pesticidi e fertilizzanti sintetici, incrementi la biodiversità del suolo, e generi dei benefici significativi a livello ambientale, rispetto ad ottenere lo stesso prodotto agricolo in modo convenzionale. L’adozione delle pratiche dell’agricoltura biologica, contribuisce alla protezione dell’ambiente e alla significativa riduzione delle emissioni di CO2. In Italia è in crescita il numero dei consumatori che scelgono un’alimentazione sostenibile. I dati dell’Osservatorio Sana curato da Nomisma, menzionati dal relatore, rilevano che più di 13 milioni di italiani consumano prodotti biologici almeno una volta a settimana, e il dato che più sorprende è il numero di famiglie acquirenti, che ha raggiunto oltre 19 milioni. Il professore ha dimostrato con esempi concreti l’importanza della “cultura biologica” e di come l’aumento del numero di giovani agricoltori che vogliono intraprendere il cammino di aprire un’azienda agricola biologica lascia ben sperare per il futuro. A testimonianza di un tipo di agricoltura sostenibile è intervenuto nel corso della serata un giovane agricoltore di Grignano Polesine, Andrea Marchetto, che ha raccontato il suo percorso, condiviso con la moglie, Anna Menon, che lo ha portato a cambiare lavoro e ad aprire un’azienda agricola scegliendo la biodiversità e valorizzando le risorse naturali locali. Ha spiegato l’importanza di trasmettere scelte sostenibili anche ai più piccoli e per questo motivo nella loro azienda hanno aperto un agri-nido. La serata è stata inoltre vivacizzata da interventi di altri esperti, tra cui il presidente del Collegio dei periti agrari di Rovigo, Massimo Pezzulo, altri tecnici del settore, e dall’agronomo e professore Ettore Gennaro, i quali hanno risposto alle domande del pubblico. Il prossimo appuntamento culturale è per l’8 novembre alle ore 18.00, in occasione delle celebrazioni del 4 novembre, e porta il titolo di “Risvolti storici e sociologici dopo la fine della Grande guerra”. Relatori della serata saranno il dott. Ambroglini e il Cavaliere Bonfiglio.  

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


Notizie più lette